counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Trasporto pubblico locale: al via il progetto Gim

2' di lettura
745

PietroMarcolini
Marcolini: \"Passo avanti verso l’introduzione del sistema di biglietteria elettronica\".

E’ stato sottoscritto ieri mattina il protocollo d’intesa tra la Regione, le Province marchigiane e le aziende di trasporto dei cinque bacini di utenza regionali che dà il via al progetto GIM – Gestione informata della mobilità. GIM è un progetto interregionale che vede la Provincia di Milano come capofila e che ammonta complessivamente a quasi 15 milioni di euro. Prevede l’applicazione di sistemi ITS (Intelligent Transportation Systems) ai settori della mobilità pubblica e privata, finalizzati all’informazione dell’utenza.



“Si tratta – spiega l’assessore regionale ai Trasporti, Pietro Marcolini – di un’iniziativa che pone le basi per l’avvio di un sistema condiviso di biglietteria elettronica su scala interregionale. Il progetto proposto è coerente con la strategia regionale riguardo all’evoluzione dei sistemi ITS applicati alla mobilità pubblica e privata e con gli strumenti operativi, organizzativi e finanziari di cui la Regione si sta dotando per la promozione di una mobilità sostenibile nel proprio territorio”.



La Regione Marche ha partecipato al progetto insieme con l’Emilia Romagna e con altri comuni italiani attraverso un bando nazionale. L’iniziativa prende infatti le mosse dal programma di infomobilità, denominato ELISA, previsto nella Finanziaria del 2007 e per il quale è stato previsto un apposito fondo per progetti da parte degli enti locali. Il progetto è stato ammesso al finanziamento statale per circa 2 milioni di euro, di cui 144 mila destinati alle Province marchigiane.



La quota residuale è a carico degli enti locali, Province e Regione, e precisamente 362 mila euro da parte della Regione e 81 mila euro da parte di ogni Provincia. Previsto il cofinanziamento del 25% da parte delle aziende di trasporto locale. Al protocollo d’intesa firmato oggi ne seguirà un altro con gli enti locali dell’Emilia Romagna per costituire un’aggregazione finalizzata alla realizzazione e gestione in forma associata di servizi coerenti con quelli previsti dal progetto.



PietroMarcolini

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-03-2009 alle 17:00 sul giornale del 17 marzo 2009 - 745 letture