counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > POLITICA
comunicato stampa

PRC aderisce alla giornata di mobilitazione per l\'abolizione dell\'ergastolo

1' di lettura
889

carcere

Il Gruppo consiliare PRC aderisce alla giornata di mobilitazione nazionale del 16 marzo per l’abolizione dell’ergastolo e per l’attuazione dell’articolo 27 della Costituzione Italiana, per cui il fine della pena è la rieducazione del condannato.

Lo sciopero della fame a staffetta, promosso dall’Associazione Liberarsi, iniziato il 1 dicembre 2008, aveva coinvolto le carceri marchigiane, in particolare Fossombrone e Ascoli Piceno, e si è concluso con i detenuti del Lazio il 15 marzo 2009. Alla larga mobilitazione, che ha visto solidarizzare i detenuti al di là della loro posizione giuridica, aveva partecipato il gruppo regionale di Rifondazione Comunista con la sua visita alla Casa di Reclusione di Fossombrone assieme ai volontari di Liberarsi. All’indomani della visita dell’8 dicembre Rifondazione Comunista ha presentato una mozione perché la Regione, assieme ad altre, agisca sul Parlamento italiano per discutere la proposta di legge per l’abolizione dell’ergastolo, già presentata da vari parlamentari nel 2005.



Gli 8 istituti marchigiani, che ad oggi soffrono a causa di un rapporto di 662 agenti di polizia penitenziaria a fronte di 1021 detenuti, ben oltre i limiti della capienza regolamentare, di cui circa 200 in attesa di primo giudizio, e decine condannati all’ergastolo, hanno bisogno che il lavoro dei tribunali abbia corso regolare. E’ necessario che tutti coloro che ne hanno diritto possano usufruire delle pene alternative: 8 detenuti su 10 che ne hanno beneficiato non tornano a delinquere. Rifondazione chiederà che la mozione presentata a dicembre sia discussa nell’assemblea del 24 marzo.



Riconferma con ciò di essere fianco dei detenuti, dei loro familiari e di tutti gli operatori penitenziari per un uso umano della pena, e si adopererà presso l’Ombudsman perché tutti i provvedimenti già varati in Regione riguardo al \"pianeta carcere” abbiano sollecita applicazione e diffusione fra gli interessati.



carcere

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-03-2009 alle 16:10 sul giornale del 17 marzo 2009 - 889 letture