counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > SPETTACOLI
articolo

Senigallia: le Hawaii alla Rotonda con il Winter Jamboree

2' di lettura
1049

Rock\'n\'roll anni \'50 e melodie Hawaiiane aprono sabato sera il secondo appuntamento del Winter Jamboree e la Rotonda sfoggia un clima tropicale con ballerine esotiche, ghirlande fiorite ed ananas nel freddo weekend di Febbraio.

Dopo la serata inaugurale del 31 gennaio si è aperto ufficialmente questo fine settimana il “Winter Jamboree” che in attesa della X edizione del “Summer” propone un appuntamento fisso con ospiti live e dj set internazionali ogni ultimo fine settimana del mese da qui a luglio.

La rotonda si veste di esotico con il Big Hawaiian Party ed il concerto di addio alle scene di “I Belli di Waikiki” che chiudono 10 anni di strepitosa carriera internazionale proprio a Senigallia dove sono ormai di casa.

La Band si scioglie: il contrabbassista Paolino Pesce vola in Texas per amore e i Belli decidono di concludere questo pezzo di storia del rock nella città che è stata il loro trampolino di lancio. Sono loro ad aver lanciato la festa hawaiiana che è ormai un must del Festival: sound simile a quello tanto amato da Elvis, ukulele, steel guitar, voci pacate e intonate accompagnate dalle suadenti danze hawaiiane delle ballerine/i arrivati dalla Polinesia e dal Cile.

L’ula style contagia i presenti, le melodie e il clima tropicale trasportano oltre oceano e sui pezzi di \"Honolulu Baby\", \"Hula Hula Twist\" o \"Tipi Da Spiaggia” la serata si snoda tra balli ed abiti in stile, concerto live alternato al dj set affidato al dj tedesco Lemon Squeezer. Sembra veramente di essere tornati negli anni ’40-50 quando il mito delle vacanze statunitensi erano le Hawaii e il mix tra danze, dj e lo strepitoso concerto dei “Belli di Waikiki” offre veramente uno spettacolo coinvolgente.

L’evento ha richiamato fan della band provenienti da tutta Europa, in particolare dalla Germania ma purtroppo ha coinvolto poco i giovani senigalliesi che si sono affacciati da poco nel mondo degli anni 50 e che hanno ritenuto, in questo periodo di crisi, troppo caro il biglietto di 14 euro senza consumazione per fare un salto alle Hawaii.





Questo è un articolo pubblicato il 02-03-2009 alle 22:34 sul giornale del 02 marzo 2009 - 1049 letture