Pesaro: pre il negozio con i prodotti realizzati dai detenuti

carcere 2' di lettura 30/01/2009 - Apre in via Castelfidardo (al civico 36) “Il gatto e la volpe”, un punto vendita di prodotti realizzati dalle detenute e dai detenuti della casa circondariale di Pesaro.

Si tratta di lavori di falegnameria, ceramica, tipografia ed inoltre di giochi ed oggetti costruiti con materiali poveri riciclati e riutilizzati, frutto dei laboratori gestiti negli ultimi anni in carcere dall’Agenzia per l’Innovazione, dal centro per la Formazione e dalla cooperativa sociale “Il Labirinto”. In questo modo l’istituto di pena pesarese presenta alla città la propria realtà concreta ed operosa, fatta di incontri e di relazioni fra operatori, docenti ed ospiti, di formazione professionale, di lavoro, di possibilità da sfruttare per la vita all’esterno.


“Il gatto e la volpe” sarà inaugurato domenica 1 febbraio alle ore 17.30, alla presenza del sindaco di Pesaro Luca Ceriscioli, dell’assessore al Patrimonio e al Bilancio del Comune Sabrina Pecchia, della direttrice della casa circondariale Claudia Clementi e della presidente dell’“Osservatorio permanente sulle carceri” Silvia Lazzari. Il negozio sarà aperto dai volontari tutti i venerdì ed i sabato, dalle ore 16.30 alle 19.30. Nello spazio di via Castelfidardo verranno esposti e messi in vendita lavori artigianali che trovano la loro collocazione più idonea in un locale del centro storico della città, messo a disposizione dall’Amministrazione comunale e gestito, per conto della direzione della casa circondariale, dai volontari dell’Osservatorio permanente sulle carceri, che per tre anni hanno curato la promozione dei manufatti con la presenza mensile al mercatino dell’antiquariato.


Ora il punto vendita consentirà un rapporto più diretto fra i laboratori ed il pubblico, offrendo anche la possibilità di ordinare oggetti su misura, personalizzati a seconda delle esigenze dei clienti.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-01-2009 alle 01:01 sul giornale del 30 gennaio 2009 - 862 letture

In questo articolo si parla di attualità, pesaro, carcere, Comune di Pesaro





logoEV
logoEV