Legambiente: al via \'Imbrocchiamola\', per diminuire l\'uso dell\'acqua in bottiglia

legambiente 4' di lettura 14/11/2008 - Sensibilizzare all’uso dell’acqua del rubinetto per diminuire l’uso della plastica e aumentare l’attenzione verso questa risorsa a rischio. Questo l’obiettivo della campagna “Imbrocchiamola” con cui Legambiente Marche partecipa alla Settimana di Educazione allo Sviluppo Sostenibile in corso fino al 16 Novembre prossimo.


Al centro della Settimana UNESCO 2008 il tema “Rifiuti riduzione e riciclaggio”, una proposta in linea con Imbrocchiamola di Altreconomia e Legambiente, nata per promuovere negli esercizi pubblici la somministrazione di acqua del rubinetto al posto di quella imbottigliata. La campagna lancia un appello a ristoranti, bar, pizzerie per offrire l\'acqua “del Sindaco”, dal momento che non esiste nessun obbligo di legge a vendere esclusivamente acqua in bottiglia, mentre esistono ottime ragioni, ambientali ed economiche, per scegliere quella dell’acquedotto. L\'Italia è il Paese in cui si ha il maggior consumo di acqua in bottiglia nel mondo, con 194 litri pro capite solo nel 2006 (oltre mezzo litro a testa al giorno), circa 9 miliardi di bottiglie che ogni anno percorrono, soprattutto su camion, migliaia di chilometri contribuendo fortemente al riscaldamento globale del Pianeta. Solo nel 2006, per la sola produzione delle bottiglie c’è stata un\'emissione di gas serra di circa 910mila tonnellate di CO2 equivalente.



Ma anche la fase del trasporto dell’acqua minerale influisce non poco sulla qualità dell’aria: solo il 18% del totale di bottiglie in commercio viaggia sui treni, tutto il resto lo fa su strada. Secondo i dati forniti dall’associazione di categoria Mineracqua e dal Corepla, il consorzio per il recupero degli imballaggi in plastica, nel 2006 sono stati immessi al consumo circa 2,2 milioni di tonnellate di imballaggi plastici, di cui 409mila in polietilene tereftalato. Delle tonnellate di PET utilizzate per la produzione di bottiglie di acqua minerale solo il 35% di queste sono state avviate a riciclo. “Nel decennio UNESCO sull’Educazione Ambientale, è importante sottolineare che anche questo spreco potrebbe essere evitato – commenta Luigino Quarchioni, presidente di Legambiente Marche- Riducendo il consumo di acque imbottigliate e scegliendo quella del rubinetto, con evidenti vantaggi ambientali sia per la riduzione del consumo di una fonte fossile come il petrolio, sia di emissioni inquinanti in atmosfera, compresi i gas serra, sia della produzione di rifiuti con conseguente risparmio economico per il cittadino e per la collettività. Con Imbrocchiamola vogliamo promuovere – continua Quarchioni- iniziative sul territorio per la riduzione dei rifiuti a monte, secondo la prima e più disattesa ‘R’ del noto principio comunitario per una corretta gestione dei rifiuti: Riduzione, Riutilizzo, Riciclo, Recupero. Normative e sanzioni sui rifiuti, infatti, spesso non sono sufficienti a scoraggiare atteggiamenti errati, se non supportate da un cambiamento di rilievo a livello di stili di vita, competenze e consapevolezze per ottenere le quali diventa strategico il ruolo dell’educazione. Nella Regione sarà possibile aderire alla Settimana dell\'Educazione Sostenibile partecipando alle iniziative organizzate dai gruppi locali di Legambiente.




A Jesi (An) sabato 15 novembre in Piazza della Repubblica, dalle ore ore 15 fino alle 20, i volontari del Circolo Azzaruolo allestiranno un banchetto informativo sulla “qualità dell\'acqua del sindaco”, dimostrando che l\'acqua dei nostri rubinetti ha delle ottime proprietà. A tutti coloro che sottoscriveranno l\'impegno ad utilizzare l\'acqua dell\'acquedotto pubblico sarà donata una bottiglia offerta dall\'azienda Multiservizi. Il Circolo Piccola Grande Italia, domenica 16 novembre in Piazza della Libertà a Macerata dalle ore 15.30 alle 20, parteciperà alla manifestazione dell\'Unesco con i punti macrobiotici della Provincia di Macerata. Sarà presente un gazebo informativo e, all\'interno dell\'iniziativa, alle 17,30 si terrà la conferenza con Mario Pianesi. I volontari del Circolo di San Benedetto del Tronto (AP) saranno in Viale Secondo Moretti, sabato 15 novembre e domenica 16, per due giornate all\'insegna del Riusa, Riduci e Ricicla in collaborazione con il punto macrobiotico di San Benedetto del Tronto. Dalle ore 9 alle 13 e dalle 15,30 alle 19,30 sarà presente lo stand dell\'iniziativa dove poter chiedere informazioni e degustare prodotti macrobiotici offerti dal punto vendita della città.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-11-2008 alle 01:01 sul giornale del 14 novembre 2008 - 850 letture

In questo articolo si parla di attualità, legambiente





logoEV