counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

PRC: volantinaggio nelle principali stazioni ferroviarie della regione

1' di lettura
969

stazione

Ieri mattina Rifondazione Comunista ha volantinato nelle principali stazioni ferroviarie della nostra regione. L\'iniziativa, alla quale hanno partecipato molti amministratori del PRC, è volta a promuovere un\'attenzione particolare sul disagio che i pendolari della regione patiscono quotidianamente soprattutto quelli che usano il mezzo ferroviario.

La Regione Marche impegna circa 42 milioni di euro l\'anno per onorare il proprio contratto di trasporto con Trenitalia ma a questa importante cifra non corrisponde un servizio adeguato: i ritardi sono la regola, la riduzione dei servizi una scelta, la qualità e la pulizia dei mezzi di trasporto largamente precaria. Da tempo, anzi, tutte le imprese in cui è stata scorporata l\'azienda autonoma delle Ferrovie dello Stato hanno praticato un costante disimpegno nella nostra regione che si è tradotto non solo nel peggioramento dei servizi ai viaggiatori ma nello smantellamento delle piattaforme logistiche per il trasporto merci e nella chiusura dei servizi a terra.



A questa si aggiungano le scelte del governo di periferizzazione del sistema ferroviario marchigiano escluso dagli ammodernamenti per l\'alta velocità e con le opere più urgenti non ancora completamente finanziate e quindi lontane dalla loro realizzazione. Rifondazione auspica perciò un tavolo che coinvolga non solo le istituzioni e le aziende ma anche i pendolari e i rappresentanti dei lavoratori, che produca un cronoprogramma certo di opere e azioni che impediscano una volta per tutte la cupio dissolvi che anima i vertici delle FS per le Marche. Rifondazione comunista è convinta altresì che, mancando questi impegni, diventi necessario un atto di legittima difesa primo tra i quali un atto di disobbedienza civile che a trasporti di terza classe corrisponda il prezzo di biglietti di terza classe.



stazione

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-10-2008 alle 01:01 sul giornale del 22 ottobre 2008 - 969 letture