counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Al via \'Operazione Fiumi 2008\'

3' di lettura
985

legambiente

Al via sabato 18 ottobre Operazione Fiumi 2008 nella Regione Marche.

Grandissima adesione per la sesta edizione della campagna di prevenzione e informazione sul rischio idrogeologico promossa da Legambiente, dipartimento della Protezione Civile in collaborazione con gli Scout dell’Agesci e Cngei, l’Associazione Nazionale Vigili del Fuoco in Congedo, e i dipartimenti della Protezione Civile della Regione Marche e della Regione Sicilia. Le novità di quest\'anno, anche in seguito al collaudatissimo rapporto tra Legambiente Marche e il Dipartimento Regionale della Protezione Civile, sono ben due weekend di attività lungo tutta le Regione con oltre 40 iniziative, che vedrà i volontari impegnati fino al 26 ottobre, per monitorare i corsi d\'acqua, informare le scuole sui piani d\'emergenza e pulire tratti di fiumi degradati per riconsegnare alla cittadinanza un fiume più pulito e uno spazio più fruibile per tutti. Sensibilizzare i cittadini, soprattutto i più piccoli, per sottolineare l’importanza di una corretta gestione del territorio e dei corsi d’acqua e la necessità di creare una nuova mentalità sulle tematiche di protezione civile sono le tematiche centrali di Operazioni Fiumi. La campagna punta i riflettori anche sull’importanza di piani d’emergenza aggiornati ed efficaci, affiancati da una costante informazione alla popolazione: elementi di primaria importanza per salvare vite umane in caso di calamità.



Da tempo – dichiara il presidente della Regione, Gian Mario Spacca – stiamo lavorando sia sul fronte della prevenzione che su quello della gestione delle emergenze, destinando risorse alla manutenzione dell’ambiente, alla prevenzione del rischio idrogeologico, al contrasto degli abusi, all’implementazione della rete della Protezione civile. Un impegno che deve continuare perché la cura e la difesa dell’ambiente sono obiettivi primari per la salvaguardia e il benessere di tutta la comunità”. Preoccupante la situazione del nostro territorio secondo il Report 2003 del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e Unione Province d’Italia. Sono 125 i Comuni a rischio frana, 1 Comune a rischio alluvione e 117 quelli a rischio frana e alluvione per un totale di 243 cioè il 99% dei Comuni marchigiani.



Gestire correttamente il proprio territorio e i propri corsi d\'acqua, è la vera prevenzione dal rischio idrogeologico- spiega Luigino Quarchioni, Presidente di Legambiente Marche- L\'abusivismo, l\'urbanizzazione delle aree golenali, l\'escavazione selvaggia e la mancata manutenzione ordinaria degli argini, sono spesso all\'origine delle catastrofi; la causa dei disastri ambientali è sempre più la diretta conseguenza di sbagliate scelte dell\'uomo. Questo purtroppo è il risultato di una miope gestione passata- continua Quarchioni- ma tuttora, troppo spesso, si continua a costruire dove non si dovrebbe. Di fronte ad una situazione tanto grave diventa fondamentale, da un lato, mettere in atto un\'adeguata manutenzione ordinaria delle sponde dei fiumi e delle opere di difesa idraulica e, dell\'altro, fermare l\'urbanizzazione delle aree a rischio idrogeologico”.



Come previsto dalle giornate formative della campagna, giovedì 23 ottobre prossimo si svolgeranno le attività di informazione sui piani d\'emergenza nelle scuole di Tolentino (Mc) mentre venerdì 24 ottobre i volontari parteciperanno al monitoraggio dalla sorgente alla foce del Fiume Chienti. Sempre nella mattinata di venerdì 24 ottobre, sarà allestita la mostra sul rischio idrogeologico presso la scuola “A.Caro” di Civitanova Marche.



legambiente

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-10-2008 alle 01:01 sul giornale del 18 ottobre 2008 - 985 letture