counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > POLITICA
comunicato stampa

Crisi finanziaria, le istituzioni lavorino per ridurre la distanza tra ricchi e poveri

1' di lettura
1077

prc

La preoccupazione di Confindustria Marche sugli effetti possibili della crisi finanziaria internazionale si accompagna alla richiesta di interventi pubblici ancillari e subordinati quali la riduzione della pressione fiscale e la semplificazione, che in molti casi però può leggersi come deregulation, amministrativa. 

Uno tsunami così grande richiederebbe invece riflessioni e proposte più articolate. Se c\'è un dato inequivocabile, ad ora, per affrontare quella crisi, è la necessità di un intervento pubblico importante e l\'introduzione di strumenti di controllo più seri ed adeguati da introdurre nel sistema economico e quindi un ruolo delle istituzioni più forte e cogente ma soprattutto volto a riequilibrare quello che la crisi sta acuendo: la distanza tra ricchi e poveri.



In questo senso anche la Confindustria potrebbe far molto, riflettendo ed agendo sulle politiche salariali sin qui perseguite, verificando la possibilità di ridurre le sacche di precarietà cospicue del sistema produttivo. Azioni queste che aumenterebbero la credibilità delle richieste avanzate. La Regione ha quindi un compito, tra gli altri, prioritario nell\'affrontare questa crisi: introdurre una legislazione che accompagni le azioni di sostegno alle attività produttive con vincoli cogenti e chiari in termini di occupazione, diritti e dignità salariale. Per quel che ci riguarda ci adopereremo per questo.



prc

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-10-2008 alle 01:01 sul giornale del 17 ottobre 2008 - 1077 letture