counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > SPETTACOLI
comunicato stampa

Pesaro: omaggio a Puccini

9' di lettura
1062

Omaggio a Puccini nel 150° anniversario dalla nascita. Domenica 17 agosto alla Rocca Costanza di Pesaro, il cartellone \"Interludio\" a cura dell\'Ente Concerti propone un suggestivo ritratto del Maestro dagli inizi del suo percorso artistico con Edgar (1889) alla conclusione con Turandot (1924): \"Puccini\'s Portrait\".

Protagonisti della serata l’Orchestra Sinfonica G. Rossini diretta dal Maestro Marco Berdondini, il Coro della Fortuna di Fano diretto da Carlo Morganti e i solisti Anna Carnovali soprano, Kim Choon Sik tenore, Paolo Coni baritono e Daniele Rubboli voce recitante. Attraverso il programma pensato per questo omaggio, il pubblico potrà testimoniare il processo di rinnovamento stilistico di un autore nel tempo e insieme anche il cambio dei gusti della società italiana tra Ottocento e Novecento di cui Puccini si fece interprete.

Dopo il trionfo torinese di “Manon Lescaut” (1893), lo stile personalissimo di Puccini si conferma nella sua complessità e raffinatezza, sempre animate da espressività viscerale di immediata presa sul pubblico. Seguono “La Bohème” (1896), “Tosca” (1900) e la fama di Puccini diventa internazionale tanto che “La fanciulla del West” e “Trittico” vengono proposti per la prima volta a New York, nel 1910 e nel 1918. La consacrazione con l’incompiuta “Turandot” (1924), estremo approdo del melodramma italiano col quale, forse, si chiude per sempre la plurisecolare storia del genere. Capacità di rendere passioni elementari con un’orchestrazione sensibilissima e melodie di straordinario gusto, fanno di Puccini uno dei più grandi autori di sempre e uno dei più amati dal pubblico di tutto il mondo.

La serata di domenica 17 alla Rocca Costanza di Pesaro si apre con “Edgar”, partitura raramente eseguita che quest’anno per la prima volta è stata proposta anche a Torre del Lago nel prestigioso festival pucciniano. Opera del 1889, commissionata a Puccini dall\'editore Giulio Ricordi per la Scala di Milano, da “Edgar” saranno eseguiti il Preludio, \"Qual voce lontana\" – coro, \"Addio mio dolce amor\" - aria di Fidelia, \"Questo amor vergogna mia\" - aria di Frank. Il programma prosegue con “Manon Lescaut” di cui saranno proposti Intermezzo e \"Donna non vidi mai\" - aria di Des Grieux.

Dalla celebre “Tosca”, l’aria di Tosca \"Mario, Mario\" e il \"Te Deum\" – coro. Immancabile “Madama Butterfly” con il Duetto della lettera - duetto Butterfly - Sharpless e il Coro a bocca chiusa – coro. Arie anche da “Suor Angelica” (\"Senza mamma\" - aria di Suor Angelica), da “La fanciulla del West” (\"Ch’ella mi creda\" - aria di Johnson) e dal “Tabarro” (\"Nulla, silenzio\" - aria Michele). La serata si chiude con la potente “Turandot” e le due arie più celebri e amate in tutto il mondo: la magnifica aria di Liù \"Tu che di gel\" e la trionfale aria di Calaf \"Nessun dorma\".

In caso di maltempo i concerti si svolgeranno presso il Teatro Sperimentale. Il cartellone di “Interludio - Concerti alla Rocca Costanza” è a cura dell’Ente Concerti di Pesaro, con il sostegno di Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro/Banca Marche e il contributo di Presidenza del Consiglio dei Ministri, Direzione Generale dello Spettacolo/Regione Marche, Giunta Regionale, Assessorato Cultura. La decorazione floreale è curata da ASPES Multiservizi s.p.a. Il biglietto posto unico costa 15 euro, ridotto a 10 (per soci Ente concerti, giovani fino a 25 anni, persone oltre i 65). I biglietti saranno in vendita il giorno stesso del concerto presso il Teatro Sperimentale dalle 16 alle 19 (telefono 0721.387548) e un’ora prima del concerto a Rocca Costanza. Info Ente Concerti 0721.32482, www.enteconcerti.it

Il programma

- da Edgar

Preludio

“Qual voce lontana” coro

“Addio mio dolce amor” aria di Fidelia

“Questo amor vergogna mia” aria di Frank

- da Manon Lescaut

Intermezzo

“Donna non vidi mai” aria di Des Grieux

- da Tosca

“Mario, Mario” aria di Tosca

“Te Deum” coro

- da Madama Butterfly

Duetto della lettera duetto Butterfly - Sharpless,

Coro a bocca chiusa coro

- da Suor Angelica

“Senza mamma” aria di Suor Angelica

- da La fanciulla del West

“Ch’ella mi creda” aria di Johnson

- da Tabarro

“Nulla, silenzio” aria Michele

- da Turandot

“Tu che di gel” aria di Liù

“Nessun dorma” aria di Calaf

Marco Berdondini

Nato a Faenza nel 1965, diplomato in pianoforte, è entrato come maestro al Teatro Comunale di Bologna, collaborando poi come direttore musicale in Palcoscenico. Ha poi conseguito il diploma di perfezionamento in direzione d’orchestra presso l’Accademia Musicale di Pescara sotto la guida di Donato Renzetti. Da quel momento svolte un’intensa attività artistica in tutta Europa, dall’Italia alla Gran Bretagna, dalla Repubblica Ceca ai Paesi Bassi. Importante in particolare la sua artecipazione al Festival Opere Rare di Faenza, dove ha diretto Paolo e Francesca di Mancinelli, La Cabrera di Dupont, Il Paria di Donizetti, anche registrate in cd.

Anna Carnovali

Milanese, dopo gli studi musicali e universitari si è perfezionata con importanti maestri (Rossi Lemeni, Adami Corradetti, Baker Genovesi) e si è segnalata in importanti concorsi (Mattia Battistini, Accademia Barocca, Briccialdi, Toti Dal Monte, Operalia II). Ha cantato in Italia, Europa e Usa per prestigiosi teatri (San Carlo di Napoli, La Fenice di Venezia, Cairo Opera House, Teatro di Lisbona ecc.) interpretando opere di Mozart, Rossini Verdi e Puccini. Ha ottenuto importanti riconoscimenti anche nel repertorio sacro (Detsches Requiem di Brahms e War Requiem di Britten) e liederistico (Quattro ultimi Lieder di Strauss) e ha in repertorio i capolavori sacri di Pergolesi, Mozart e Bach.

Daniele Rubboli

Giornalista, saggista, conferenziere e avvicinatosi all’opera come presentatore, si dedica al teatro musicale dal 1980 con importanti direzioni artistiche (Centenario di Beniamino Gigli per il Comune di Recanati, 200 anni della città di Cattolica, spettacolo inaugurale del suo nuovo Teatro della Regina). Ha firmato documentari e programmi radiofonici e televisivi (su grandi teatri, Pavarotti, Beniamino Gigli ecc.) ed è direttore artistico di importanti concorsi lirici. Insegna storia della musica teatrale (ISEF, Accademie e Università Civiche ecc.), dirige stagioni d’opera (Volterra Cascina Carpi Sassuolo ecc.) ed è conduttore e autore di concerti e spettacoli musicali.

Kim Choong Sik

Nato in Corea del Sud, è giunto in Italia dieci anni or sono per completare gli studi scientifici iniziati nel suo Paese. Qui però è stato ‘folgorato’ dalla musica classica e, dotato di una bella voce di tenore lirico, ha iniziato gli studi di canto e dopo alcuni anni di studio, ha iniziato a presentarsi e ad affermarsi in vari concorsi ed audizioni. Più che sulle doti ‘sceniche’ Kim Choong Sik ha sempre puntato sulla costruzione espressiva della frase musicale e unisce una grande sicurezza sugli acuti senza trascurare la capacità di “cantar morbido” e modulare la voce. Finalista al 10° concorso Rosetum, è stato qui notato da Daniele Bubboli, che lo ha fatto debuttare a Milano nel ruolo di Manrico nel Trovatore di Verdi.

Paolo Coni

Dopo il debutto nel 1983 (con Lucia di Lammermoor) e la vittoria al concorso Mattia Battistini, ha iniziato una esaltante carriera che lo ha portato nei principali teatri d’Italia e nelle più prestigiose sedi liriche internazionali (in Europa, Stati Uniti ed Estremo Oriente) e nei più importanti festival (Salisburgo, Orange, Lione, Ravenna e Martina Franca). Ha in repertorio opere di Donizetti, Bellini, Verdi e Puccini che ha interpretato sotto la guida di Muti, Solti, Ozawa, Chung, Chailly ecc. ed importanti registi come Zeffirelli, Cavani, Ronconi, D\'Annà ma è impegnato anche nel Novecento (Stravinskij e Penderecki). Ha registrato opere (tra cui Manon Lescaut, Falstaff, Traviata, La favorita) e musica da camera italiana (Tosti, Brogi e Mascagni) e europea (Liszt, Beethoven e Ravel). Tra i vari riconoscimenti è da ricordare l\'assegnazione del Premio Abbiati della Critica Musicale per l\'interpretazione dei personaggi verdiani.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-08-2008 alle 01:01 sul giornale del 16 agosto 2008 - 1062 letture