counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Al via il piano di azione regionale del settore bieticolo saccarifero

2' di lettura
838

stabilimentobieticolosaccarifero

Su proposta del vicepresidente e assessore all’Agricoltura, Paolo Petrini, la Giunta regionale ha approvato le disposizioni attuative delle misure previste dal Piano di azione regionale sulla ristrutturazione del settore bieticolo saccarifero

Settore questo, interessato dal programma nazionale di ristrutturazione, concordato nella conferenza Stato – Regioni e recentemente inviato all’Unione Europea, che si estende dal 2007 al 2011. “Abbiamo dato priorità alle misure con maggiore impatto sulle aziende agricole, quali informazione, agriturismo, sperimentazione, assistenza tecnica specialistica e sugli ammodernamenti aziendali abbiamo messo oltre il 50% delle risorse disponibili. Per massimizzare gli effetti positivi sulle imprese del settore, inoltre, abbiamo collegato queste misure con quelle del Piano di sviluppo rurale” spiega Petrini. Complessivamente alle Marche sono stati assegnati oltre dieci milioni di euro – lo stanziamento più consistente dopo quello di Emilia Romagna, Veneto e Piemonte - sui quasi ottantotto complessivi del piano nazionale, per affrontare il processo di ristrutturazione del settore.


A queste risorse, riconducibili alla dismissione dello stabilimento di Fermo, si aggiungeranno quelle relative allo zuccherificio di Jesi, con una previsione di otto milioni e mezzo di euro. Infine si aggiungono le risorse stanziate direttamente dalla Regione, per un totale complessivo di circa ventidue milioni di euro. Il programma ha come primo obiettivo quello di favorire la riconversione aziendale delle imprese agricole per recuperare competitività, in ottica di sostenibilità ambientale. Il secondo obiettivo riguarda la ristrutturazione dell’industria saccarifera, perseguita attraverso interventi diretti all’organizzazione del prodotto di base da lavorare negli impianti riconvertiti.


Il terzo obiettivo del programma riguarda la diversificazione verso attività extra agricole delle aziende. Un complesso di interventi che dovrà avere ricaduta non solo a livello di singola azienda, ma anche sulla diversificazione produttiva nelle aree ex – bieticole. La ristrutturazione del settore bieticolo saccarifero deriva dalla riforma dell’Organizzazione comune di mercato (OCM) zucchero, decisa a livello europeo alla fine del 2005. La riforma prevede la diminuzione di più del 50 per cento della produzione di zucchero effettuata nei paesi dell’Unione Europea negli anni 2003 e 2004. Per accompagnare questo processo, le autorità di Bruxelles hanno deciso di erogare aiuti ai bieticoltori per la riconversione delle produzioni e la diversificazione delle attività aziendali nonché alle industrie saccarifere per la ristrutturazione degli stabilimenti e per la loro riconversione industriale



stabilimentobieticolosaccarifero

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-08-2008 alle 01:01 sul giornale del 09 agosto 2008 - 838 letture