counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > CRONACA
articolo

Tolentino: distrutto l\'interno del Vaccaj

3' di lettura
713

teatro vaccaj

Il sindaco Ruffini:\"Lo ricostruiremo\". Si sospetta il corto circuito, lo stabile è stato posto sotto sequestro. Si sono salvati i palchi, intatto lo splendido sipario dipinto. Ieri anche i tg nazionali hanno dato spazio alla vicenda.

Un pomeriggio da dimenticare per Tolentino, quello di martedì 29 luglio. Una data che resterà indelebile nella memoria di molti. Tutti quelli accorsi in strada, per vedere con i propri occhi. Poco prima delle sei, il fumo che usciva dal tetto, ha annunciato l\'inizio della tragedia. Nonostante il grande dispiegamento di uomini e mezzi non c\'è stato niente da fare, il teatro Nicola Vaccaj, classe 1797, è stato distrutto all\'interno.


Al posto del tetto un enorme buco e all\'interno la desolazione. Il palco, la platea, gli affreschi pregiati di Fontana e Lucatelli, lo scintillio barocco degli ori, non ci sono più, tutto distrutto. Miracolosamente si sono salvati i palchi e le travi portanti, lo splendido sipario dipinto, gli uffici, i camerini ed il foyer. Da qui si potrebbe partire, per ricostruire quello che era uno dei più bei teatri della regione, un gioiellino barocco da quattrocento posti. Tra la gente con il naso all\'insù, oltre all\'attore Cesare Bocci, anche Saverio Marconi, della Compagnia della Rancia, che ha mosso i primi passi partendo da questo teatro, dove ha creato i suoi musical più belli, e dove la compagnia aveva la sua sede stabile.

Il teatro era stato chiuso con alcuni mesi di anticipo, proprio per consentire lavori di ristrutturazione e consolidamento del tetto, in corso in questo periodo, eseguiti dalla ditta locale Mancini. I cinque dipendenti erano usciti da poco, quando poco prima delle diciotto, proprio dal tetto è partito l\'incendio, si pensa per cause accidentali o corto circuito, che in pochissimo tempo si è propagato all\'intera struttura. Massiccio l\'intervento con cinque squadre dei vigili del fuoco, agenti della Forestale, volontari della Protezione civile e Legambiente, tecnici delle Soprintendenza. Ventuno i lanci d\'acqua, prelevata dal lago delle Grazie e liquido ritardanti, fatti dai due elicotteri impiegati, dei vigili del fuoco e protezione civile. Durante lo spegnimento, le abitazioni vicine al teatro sono state fatte evacuare, ed è stata tolta la corrente. Gli inquilini sono rientrati a tarda sera.

Il pubblico ministero Andrea Laurino, ha disposto il sequestro del teatro, per consentire tutti gli approfondimenti tecnici utili a stabilire le cause dell\'incendio. E\' proseguito per tutta la notte e la giornata di ieri il lavoro di vigili del fuoco e volontari, che hanno provveduto allo smassamento del materiale bruciato e alla messa in sicurezza della struttura.


Attestati di solidarietà sono giunti da tutta la Regione, ad iniziare dal presidente Spacca, che ieri pomeriggio si è incontrato con Luciano Ruffini. Da poche parole, mormorate dal sindaco nella tarda serata di martedì, si è appresa la forte volontà del primo cittadino di ricostruire il teatro prima possibile. Maurizio Costanzo, direttore artistico della Biennale dell\'Umorismo, ha disposto la cancellazione di alcuni spettacoli, in modo da destinare i fondi alla ricostruzione. Analogo impegno è stato preso dalla Fita, Federazione Italiana Teatri Amatoriali.







teatro vaccaj

Questo è un articolo pubblicato il 31-07-2008 alle 01:01 sul giornale del 31 luglio 2008 - 713 letture