counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Enel e AssConsumatori: dibattito sul mercato libero e sulla procedura di conciliazione

7' di lettura
2247

tavolorelatorienel|

Ad un anno dall’apertura del mercato elettrico anche per le famiglie, Enel Energia ha lanciato la nuova offerta “e-light” che consente ulteriori vantaggi per i clienti domestici, oltre a quello del prezzo fisso per due anni. Novità anche sui servizi offerti nel rispetto della natura e dell’ambiente.

Con l’accordo tra Enel e Associazioni dei Consumatori del CNCU, per oltre 20 milioni di clienti le controversie potranno essere risolte on line in modo veloce, semplice e gratuito. Enel è la prima azienda energetica in Europa ad adottare una procedura di conciliazione. Ancona, 30 luglio 2008 – Dialogo e collaborazione, nel rispetto assoluto dei ruoli, (per tutelare gli interessi dei consumatori) in un settore complesso, come quello energetico, che da luglio 2007 si è aperto per tutti i consumatori al mercato libero.


Questi i temi al centro dell’incontro che si è tenuto oggi, presso l’Hotel Excelsior La Fonte di Portonovo, tra Enel e le principali associazioni dei consumatori delle Marche. Durante l’incontro, Enel ha innanzitutto presentato un bilancio del primo anno di liberalizzazione del mercato elettrico per le famiglie e dei risparmi finora conseguiti da coloro che hanno scelto le offerte di Enel Energia, evitando in questo modo i quattro aumenti nel frattempo registrati nelle bollette del Servizio di maggior tutela, pari ad un rincaro complessivo del 30,8% sulla componente energia.


A un anno dalla completa apertura del mercato elettrico anche per le famiglie, e a fronte dei continui aumenti del prezzo dei combustibili guidati dal petrolio, Enel Energia ha lanciato ora una nuova e vantaggiosa offerta, non soltanto sul “fronte prezzo”, ma anche su quello della semplicità e dei servizi offerti. La nuova offerta si chiama e-light e i vantaggi per i clienti aumentano. Altro tema di grande rilevanza affrontato nell’incontro di oggi è stato quello dell’accordo raggiunto a livello nazionale tra Enel e le sedici Associazioni dei Consumatori che compongono il CNCU (Consiglio Nazionale dei Consumatori e degli Utenti) sulla procedura di conciliazione paritetica delle controversie con i clienti.


Per Enel hanno partecipato all’incontro: Luigino Zuin, Responsabile Operations per Triveneto, Emilia Romagna e Marche della Divisione Mercato; Massimo Fazio, Responsabile Marketing Programmazione Operativa; Renata Villa della Direzione Relazioni Esterne – Rapporti con le Associazioni. In rappresentanza delle Associazioni dei Consumatori: Silvana Santinelli, Veronica Coloccini e Elisabetta Sabbatini, Adiconsum; Andrea Catalani, Innocenzo Di Donato, Marina Marozzi e Claudia Mazzucchelli, Adoc; Roberto Rosti, Adusbef; Antonio Bruno, Assoutenti; Dante Reale e Gaetano La Guardia, Cittadinanzattiva; Piero Chiacchiarini e Rita Baldini, Federconsumatori; Corrado Canafoglia, Libero Consumo; Stefania Pasimeni e Michela Giraldi, Movimento Difesa del Cittadino; Roberto Pesaresi e Franco Coppari, Unione Nazionale Consumatori. Per la Regione Marche ha partecipato un rappresentante dell’Assessorato alla Promozione dello sviluppo economico, Energia e Tutela dei consumatori.


La nuova offerta e-light di Enel Energia Per quanto riguarda la nuova offerta, con e-light inizia una nuova era di fornitura “low cost” che definisce un’offerta molto innovativa, puntando sull’utilizzo della tecnologia per combattere il caro petrolio. Infatti, oltre a beneficiare di un prezzo bloccato dell’energia elettrica per due anni, i clienti avranno 5 bollette “flat”, ossia ad importo costante (per la componente energia), determinato sulla base del consumo bimestrale che loro stessi indicheranno e una bolletta di conguaglio con il consumo effettivo per ogni anno di fornitura.


Le 5 fatture verranno emesse all’inizio di ciascun bimestre di fornitura. Enel Energia si riserva di adeguare il consumo, previa comunicazione al Cliente, qualora in corso di anno il consumo reale differisca da quello stimato di +/- 15%. Il blocco di prezzo offerto si riferisce alla componente energia del prezzo di riferimento di maggior tutela. Tale componente riferita ad esempio ad una famiglia tipo (abitazione di residenza, 3 kW di potenza impegnata, 2.700 kWh di consumo annuo) rappresenta circa il 65% della spesa complessiva per l\'elettricità, escluse IVA e imposte. Tale prezzo non comprende gli oneri di dispacciamento, trasporto e commercializzazione che la società applica nella misura definita dall\'AEEG.



La sottoscrizione di una delle offerte di Enel Energia da parte di clienti del servizio di maggior tutela, comporta il loro passaggio al mercato libero. Enel Energia, la Società di Enel per la vendita di elettricità e gas a famiglie e imprese sul mercato libero, è stata il primo operatore a livello nazionale, dal primo luglio 2007, a proporre alle famiglie un’offerta che blocca il prezzo della componente energia per ben due anni, acquisendo così circa 1,2 milioni di famiglie, di cui più del 25% con una fornitura anche di gas. Nel settore delle aziende, Enel Energia serve ora circa 1,5 milioni di clienti.


La sottoscrizione di e-light avviene completamente on line. Collegandosi al sito www.enelenergia.it, e, con pochi clic computer, il cliente può aderire direttamente all’offerta. Grazie ai servizi offerti dal nuovo portale di Enel Energia, rinnovato recentemente nei contenuti e nella forma grafica, si possono visualizzare on line tutti i documenti e conoscere le condizioni contrattuali. Una volta aderito all’offerta e-light, i clienti riceveranno direttamente nella loro casella di posta la bolletta in formato elettronico, che potrà essere comodamente archiviata nel proprio PC. Scegliere e-light recherà beneficio anche alla natura e all’ambiente, grazie al minor abbattimento di alberi per la produzione della carta e conseguentemente una riduzione delle emissioni di CO2.


La nuova procedura di conciliazione Molto interesse ha suscitato poi la presentazione della nuova procedura di conciliazione, uno strumento di risoluzione delle controversie basato sulla libera adesione delle parti che cercano di raggiungere un accordo amichevole. La procedura, utilizzabile da tutti i clienti di Enel Servizio Elettrico (con un contratto per uso domestico o condominiale con potenza impegnata non superiore a 15 kW) e dai clienti di Enel Energia per la sola fornitura di gas, con un consumo annuo che non superi i 50 mila metri cubi, riguarderà tre tipi di controversie: - quelle legate alla ricostruzione dei consumi a seguito del malfunzionamento del contatore; - quelle nate da fatture di importi anomali rispetto alla media di quelli fatturati al cliente nei due anni precedenti; - quelle derivanti dalla gestione della riduzione di potenza o del distacco della fornitura per contestata morosità.


I clienti, dopo aver inviato un reclamo scritto attraverso gli appositi canali Enel (casella postale, fax o mail) potranno attivare la procedura nei casi in cui ritengano insoddisfacente la risposta scritta ricevuta, oppure non abbiano ricevuto risposta entro 30 giorni lavorativi dall’invio del reclamo. Per individuare la sede dell’Associazione dei Consumatori più vicina alla quale rivolgersi in questi casi, basterà collegarsi al sito www.enel.it/conciliazione o ai siti delle Associazioni dei Consumatori firmatarie dell’accordo. Una commissione di Conciliazione paritetica composta da due conciliatori – uno nominato da Enel e l’altro dall’Associazione dei consumatori a cui si è rivolto il cliente –discuterà il caso.


I conciliatori cercheranno, nel più breve tempo possibile, di proporre al cliente una soluzione che vada incontro alle sue esigenze. Qualora il cliente si ritenga soddisfatto della proposta di conciliazione, la procedura si concluderà con il raggiungimento dell’accordo e la firma del verbale di conciliazione. In caso contrario il cliente firmerà un verbale di mancato accordo. Le associazioni firmatarie, che compongono il Consiglio Nazionale dei Consumatori e degli utenti istituito presso il Ministero per lo Sviluppo Economico, sono: Acu, Adiconsum, Adoc, Adusbef, Assoutenti, Casa del Consumatore, Cittadinanzattiva, Codacons, Codici, Confconsumatori, Federconsumatori, Lega Consumatori, Movimento Consumatori, Movimento Difesa del Cittadino, Unione Nazionale Consumatori, Verbraucherzentrale Sudtirol – Centro Tutela Consumatori Utenti.





tavolorelatorienel|

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 31-07-2008 alle 01:01 sul giornale del 31 luglio 2008 - 2247 letture