counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

PPAR, grandi novità per arrivare alla proposta di legge

2' di lettura
1438

ostra vetere

Un nuovo concetto di paesaggio come bene fondamentale da tutelare e valorizzare, ma al di là delle norme, anche come “prodotto” marchigiano doc, come identità regionale e come valore assoluto per la qualità della vita.

E’ questo l’obiettivo della proposta di legge regionale per la revisione del PPAR, il Piano Paesaggistico Ambientale Regionale che vede sostanziali e innovative riforme a vent’anni esatti dalla sua prima approvazione, assieme alla ferma volontà della giunta di farne uno strumento strategico di sviluppo per tutte le Marche.


Una volontà che nella duplice sessione di incontri coordinati dalla dott.ssa Maria Luisa Polichetti, è stata giudicata positiva sia dai rappresentanti degli enti locali, Province e Comuni, sia nei molti e articolati interventi delle Associazioni di categoria e di settore. In questo primo incontro operativo per la revisione del PPAR, si è subito stabilito che il gruppo di lavoro sarà congiunto fra gli enti locali aprendo il tavolo anche al massimo confronto con gli operatori del commercio, del turismo, dell’agricoltura, dell’industria, della cultura e le parti sociali ma con il superiore obiettivo di una semplificazione legislativa evitando la pletora di vincoli, norme e sovrapposizioni di competenze.


La sostenibilità degli interventi, si affianca alla sussidiarietà nelle azioni da intraprendere cui verrà data ampia informazione anche e soprattutto via internet per favorirne l’ulteriore confronto a tutti i livelli (come richiesto più volte dalle associazioni stesse). Non solo: a parte gli obblighi di legge da rispettare entro il 2009 (in base alle scadenze stabilite dalla Convenzione europea del 2000 e dal Codice Urbani del 2004) la Regione Marche intende – a 30 anni dalla sua costituzione come ente – far valere appieno il suo ruolo di coordinamento delle forze proponenti in campo, prima della discussione finale in Consiglio regionale del nuovo PPAR.


Ma anche la sua competenza di supervisione e controllo, insieme alla Soprintendenza, separando i procedimenti di autorizzazione paesaggistica da quelli edilizi, aumentando l’attenzione per tutto il territorio e non solamente per le aree già vincolate o tutelate, infine prendendo spunto fin da ciascuna riunione di questo nuovo gruppo di lavoro per costruire un percorso formativo e di aggiornamento che risponda alla funzione finale, regolativa, della stessa Regione e alle esigenze dirette delle categorie e degli operatori che sul territorio vivono e che sono chiamati a loro volta alla massima partecipazione e sinergia.



ostra vetere

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-07-2008 alle 01:01 sul giornale del 30 luglio 2008 - 1438 letture