counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > SPETTACOLI
comunicato stampa

Falerone: continua la rassegna Tau con Franco Oppini in Menaechmi

2' di lettura
1940

Domenica 27 luglio al Teatro Romano di Falerone andrà in scena Menaechmi, di Tito Maccio Plauto, con Franco Oppini e Nini Salerno, con adattamento e regia di Livio Galassi , in occasione della decima edizione del TAU/Teatri Antichi Uniti, rassegna di teatro classico antico iniziata il 10 luglio e promossa da Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Regione Marche / Assessorato ai Beni e alle Attività Culturali, Amat , Soprintendenza per i Beni Archeologici delle Marche, Provincia di Ascoli Piceno, Provincia di Macerata, Comune di Falerone, Comune di Urbisaglia, Comune di Monte Rinaldo e Comune di Cupra Marittima

Vetta del teatro plautino, Menaechmi attraversa vincitore secoli e mode, passando per le amplificazioni shakespeariane del particolare tema dello sdoppiamento e della ricerca del sé, affacciandosi poi su Pirandello per l’encomiabile eterno confronto tra essere e apparire, realtà e finzione, mantenendo intatta la sua potente teatralità, la sua inesauribile inventiva, la sua genialità stimolante e ispiratrice. E ora giunge a noi con il nuovissimo spettacolo firmato Livio Galassi che vede in scena un cast di stelle, tra le quali spicca la divertente e sagace coppia composta da Franco Oppini e Nini Salerno, nella esilarante miriade di equivoci e colpi di scena della celeberrima commedia.


Protagonisti della vicenda, che si svolge ad Epidamno (l’odierna Durazzo), sono dei gemelli, che il caso ha separato da bambini e che, adulti, si trovano a vivere, ignari l’uno dell’altro, nella stessa città: l’uno perché ci vive, l’altro di passaggio, alla ricerca del suo doppio. Lo scambio di persona - che la perfetta somiglianza e lo stesso nome, Menecmo, rendono inevitabile – dà avvio alla vicenda comica, al susseguirsi ininterrotto di saporose battute, di paradossali equivoci, di botte e risposte, di capovolgimenti di situazioni, fino all’agnizione finale dei due gemelli. La nobile ricerca dell’altro se stesso si intreccia brillantemente, come da tradizione del teatro plautino, con i piaceri materiali della vita, dal cibo all’eros, dalla ricchezza all’egoismo scaltro e briccone, liberando così la vicenda da qualsiasi impegno moralistico e sfociando nel divertimento più puro ed estroso per lo spettatore.


In scena, insieme con la coppia Oppini-Salerno, faranno scintille l’irriverente Mita Medici, la bella Ada Alberti e il talentuoso figlio d’arte Massimiliano Buzzanca. Livio Galassi , regista e attore di innumerevoli film degli anni ’70, ha curato anche la traduzione del testo dall’originale commedia plautina, appositamente per questo spettacolo, che vedrà in scena, oltre al cast già citato, Giovanna Floris, Pippo Sottile, Enrico Franchi e Marica Gungui, con scenografie di Vincenzo Ivan Sorbera, musiche di Luciano Francisi e costumi di Annalisa Gallina.

Per informazioni e biglietti (da euro 14,00 a euro 17,00): 0734 750429 (Ente Parco Archeologico Falerio Picenus), www.amat.marche.it . Inizio spettacolo ore 21.30.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-07-2008 alle 01:01 sul giornale del 26 luglio 2008 - 1940 letture