counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Appello del Parco dei Sibillini per la sopravvivenza degli enti di gestione delle Aree Protette

3' di lettura
634

sibillini lago pilato

Dopo il grido di allarme lanciato la settimana scorsa dal Presidente del Parco Nazionale del Gran Paradiso, anche il Parco dei Sibillini chiede di emendare il decreto legge che rischia di compromettere l\'avvenire dei parchi italiani.

Con una lettera inviata a Federparchi e a tutte le aree protette nazionali, il Presidente, il Direttore e i dipendenti del Parco Nazionale dei Monti Sibillini manifestano la loro preoccupazione per la conversione in legge del decreto 112/2008 che prevede la riduzione del numero dei dipendenti di supporto impiegati in attività non istituzionali e il taglio dei fondi per la contrattazione integrativa. Queste misure potrebbero facilmente tradursi in una vera e propria paralisi dell’attività istituzionale dei Parchi, con pesantissime ripercussioni sulla conservazione della natura e sulla promozione del territorio, con evidenti risvolti negativi sulle economie locali che, spesso, già versano in pessime condizioni.


Ecco il testo integrale della lettera con cui si chiede a Federparchi di intervenire presso il Ministero dell’Ambiente.


Cari Colleghi,

come già sapete, in questi giorni il dibattito sulla gestione delle aree protette è vivo più che mai, anche a causa degli effetti dei provvedimenti urgenti contenuti nel noto D.L. 112/2008; i tagli alle risorse umane e finanziarie, infatti, rischiano di annullare l’azione degli Enti Parco, contraddicendo, di fatto, l’obiettivo del Decreto volto, tra l’altro, a garantire la razionalizzazione, l’efficienza e l’economicità dell’organizzazione amministrativa.


Le aree protette sono state istituite con l’intento di creare modelli di sviluppo sostenibile da esportare oltre i confini territoriali e quindi di occuparsi di tematiche che oggi sono obiettivi strategici a livello planetario. I Parchi Nazionali, invece, da tempo, operano in una situazione di grande affanno, derivante, come il Presidente e il Direttore del Parco del Gran Paradiso illustravano, anche dalla loro natura giuridica, che ne sottopone la gestione ad un crescente numero di norme e vincoli amministrativi. D’altro canto, i Parchi italiani, nella maggior parte dei casi fortemente antropizzati, svolgono funzioni che hanno ricadute dirette sulla vita dei cittadini (si pensi, solo per fare qualche esempio alle autorizzazioni, ai nulla osta, ai condoni da rilasciare, ma anche alle V.I.A., alle V.A.S., la gestione della fauna e gli indennizzi).


I Parchi cioè svolgono una serie di funzioni e curano servizi fondamentali per la collettività, sulla quale già gravano le conseguenze per le oggettive difficoltà di gestione in cui versano molte delle aree protette nazionali. La Finanziaria del 2008 sembrava porre rimedio, almeno parzialmente, a questa situazione, prevedendo per i Parchi, la possibilità di aumentarne il numero dei dipendenti. Dimostrazione del fatto, quindi, che il problema dei Parchi era già sentito anche a livello politico istituzionale.


Queste nostre riflessioni sono condivise anche dai dipendenti del Parco dei Sibillini che con passione, impegno e professionalità tutti i giorni lavorano per cercare di far funzionare al meglio la nostra realtà. Ci uniamo quindi all’appello inviato dal Parco Nazionale del Gran Paradiso nella speranza che si possa intervenire nelle sedi parlamentari al fine di intraprendere iniziative legislative volte a risolvere le complesse problematice di gestione delle aree protette.



sibillini lago pilato

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-07-2008 alle 01:01 sul giornale del 19 luglio 2008 - 634 letture