counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Codiretti: \'il prezzo del maiale moltiplica\'

2' di lettura
1357

La carne di maiale rincara, ma gli allevamenti delle Marche rischiano di chiudere i battenti. “

\"Se il prosciutto costa al supermercato in media 24 euro al chilo, alle imprese agricole i suini vengono pagati oggi circa 1,2 euro al chilo - denuncia Coldiretti Marche -, cifra che non riesce ormai a coprire i costi di produzione\".Una situazione grave, tanto che questa mattina è stato richiesto lo stato di crisi per il settore nel corso del tavolo di confronto svoltosi ad Ancona, nella sede della Regione Marche. \"Oggi i maiali vengono pagati agli allevatori poco più di un euro al chilo, ma nel tragitto dalla stalla alla tavola i prezzi moltiplicano fino a venti volte - denuncia il presidente di Coldiretti Marche, Giannalberto Luzi -, una situazione inaccettabile, poiché rischia di far scomparire gli allevamenti di questa regione\".Basta dire che al consumatore una braciola costa intorno ai 6 euro al chilo, il salame sui dieci euro e il prosciutto 24 euro. Molto diversa la situazione nelle stalle. A causa dell\'aumento del 40 per cento nel costo per il gasolio agricolo e del 30 per cento dei mangimi (cui non è corrisposto un aumento dei prezzi alla stalla), gli allevatori perdono dai 30 ai 40 euro per ogni animale allevato.



Nel corso dei lavori al tavolo sono state prospettate alcune soluzioni per valorizzare la carne prodotta in questa regione. Innanzitutto occorre un’azione più decisa per sbloccare la situazione sulle Denominazioni di origine protetta richieste per il salame lardellato, la lonza, il lonzino e il prosciutto, attualmente ferme al Ministero. Oltre a ciò si punta a una maggiore collaborazione con la Dop Prosciutto di Carpegna, con l’obiettivo di aumentare l’utilizzo di suini allevati in questa regione per un prodotto oggi in forte ascesa sul mercato. Un’altra strada percorribile è quella degli accordi di filiera, previsti dal nuovo Piano di sviluppo rurale. Intanto si attendono le decisioni a livello nazionale dove è in corso di preparazione un piano per dare risposte immediate al settore.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-07-2008 alle 01:01 sul giornale del 17 luglio 2008 - 1357 letture