counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Filiera del latte, Tavolo tecnico in Regione

2' di lettura
963

latte|

Petrini: “Sostegno alla produzione e valorizzazione del prodotto”.
Consolidare la produzione di un latte marchigiano di qualità e verificare le strade percorribili per garantire un’adeguata renumerazione agli allevatori.

Sono questi gli argomenti discussi al “Tavolo regionale della filiera lattiero-casearia”, convocato dalla Regione Marche per affrontare la complessa situazione del prezzo di vendita del latte al pubblico.
A discutere con il vice presidente e assessore all’Agricoltura, Paolo Petrini, i rappresentanti del comparto: associazioni di categoria, centrali cooperative, Cooperlat, l’associazione Latte Marche, le principali catene della grande distribuzione presenti in regione. È la prima volta che tutta la filiera marchigiana si riunisce attorno allo stesso tavolo per analizzare le difficoltà che, maggiormente, si concentrano nel segmento del latte fresco e ad alta qualità.



Gli allevatori delle Marche, come quelli delle altre regioni italiane, stanno vivendo una situazione di grossa difficoltà. I continui aumenti dei costi di produzione stanno mettendo in ginocchio le aziende che non possono sopravvivere a prezzi del latte come quelli attuali. La questione portata al Tavolo è stata proprio quella di verificare le strade percorribili per garantire una giusta remunerazione agli allevatori e i giusti equilibri all’interno della catena del valore.



Si è trattato di un primo confronto a cui sicuramente seguiranno altri momenti di incontro - ha spiegato l’assessore Petrini - Al Tavolo è emerso l’impegno, da parte della Regione e di tutti gli operatori, a salvaguardare e valorizzare le realtà produttive locali. Si tratta di sviluppare sinergie tra produttori, trasformatori e distributori, su cui deve fare perno una azione condivisa e sostenuta della Regione, per trovare spazi di espansione in un mercato sempre più difficile e globalizzato che sconta, oltre a un forte aumento dei costi, anche una concorrenza di prodotti provenienti da altre realtà mondiali”. Tutti i partecipanti al Tavolo si sono dimostrati disponibili a percorre questa strada che punta a valorizzare le eccellenze regionali locali e che guarda sempre più alla qualità.


Occorre mettere in campo azioni per una valorizzazione complessiva del latte marchigiano e dei prodotti da questo derivati, attraverso specifici progetti - ha rimarcato Petrini - La base di partenza è la diffusione, presso i produttori e i consumatori, del Marchio QM regionale di qualità, puntando su una comunicazione più chiara e diretta che faccia emergere il valore aggiunto dell’iniziativa e le caratteristiche del prodotto a Marchio QM”.


La campagna di comunicazione del Marchio QM è già partita a gennaio 2008. Verrà ora intensificata con iniziative promozionali, potendo contare su un budget regionale di 200 mila euro e su alcuni interventi finanziati con il Programma di sviluppo regionale 2007/2013 che promuovono la promozione dei prodotti locali.



latte|

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-07-2008 alle 01:01 sul giornale del 11 luglio 2008 - 963 letture