counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Codiretti: \'pannelli fotoltaici nelle campagne per rimediare al deficit\'

2' di lettura
885

coldiretti

Occorre potenziare la produzione di energia solare dai campi per rimediare al deficit energetico delle Marche che, con un -54,5%, colloca la nostra regione al penultimo posto della classifica, meglio solo della Campania”. E’ quanto sostiene Coldiretti Marche, commentando i dati sulla domanda di energia elettrica in Italia diffusi da Terna, la società che ha la responsabilità della trasmissione dell`energia elettrica a livello nazionale.

Secondo l’analisi, le Marche producono oggi meno della metà dell’elettricità necessaria al proprio fabbisogno, con un deficit del 54,% che è, tra l’altro, peggiorato rispetto all’anno precedente (-52,8%). Un dato che colloca la nostra regione davanti soltanto alla Campania (-60%) la quale è però in ripresa rispetto al -80% di dodici mesi prima.



Da qui la nostra idea di avviare un progetto per la diffusione di pannelli fotovoltaici nelle campagne in collaborazione con Renegergies Italia - Gruppo Afin e con il supporto dell\'Associazione Le Fattorie del Sole - spiega il presidente di Coldiretti Marche, Giannalberto Luzi -. L\'accordo consente la diffusione di impianti solari tra gli imprenditori agricoli della regione attraverso un\'opera di formazione congiunta e la garanzia del credito fornita da CreditAgri”.



L\'obiettivo è quello di installare pannelli fotovoltaici in strutture agricole e dell\'allevamento, puntando allo sfruttamento di spazi esistenti e non alla sostituzione delle colture. Secondo Coldiretti Marche, l\'energia elettrica prodotta dal sole potrebbe essere utilizzata per la mungitura delle mucche e la refrigerazione del latte nelle stalle, per i sistemi di irrigazione dei campi, per effettuare le varie operazioni in cantina di trasformazione delle uve, oltre che per gli agriturismi. “In questo modo sarebbe possibile contribuire a rimediare al deficit energetico della nostra regione - conclude il direttore di Coldiretti Marche, Alberto Bertinelli -, ma anche aiutare le aziende a fronteggiare i costi di produzione, saliti alle stelle per effetto del carogasolio, che rischia di causare un danno da circa 40 milioni di euro”.



Per l\'attività di allevamento poi i costi, secondo un\'analisi di Coldiretti, sono aumentati del 13 per cento, con punte del 15 per cento per i bovini, mentre per le coltivazioni gli oneri sono cresciuti per il grano dell\'11 per cento e del 12 per cento per il mais. Tra i costi di produzione che hanno subito maggiori rincari ci sono i fertilizzanti (+ 33,8 per cento), i mangimi (+ 21,3 per cento) e i prodotti energetici (+6,9 per cento) con i carburanti al 7,1 per cento.



coldiretti

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-07-2008 alle 01:01 sul giornale del 09 luglio 2008 - 885 letture