counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > POLITICA
comunicato stampa

Lavoro femminile, più crescita sociale e più innovazione

6' di lettura
922

ugo ascoli

Conferenza regionale sull\'occupazione femminile ieri alla fiera di Ancona

Il lavoro femminile è crescita economica e sviluppo. Su questa idea di fondo si è basata la Conferenza regionale sull\' occupazione femminile che si è tenuta ieri alla Fiera di Ancona.

Un concetto ribadito da Tiziano Treu, vicepresidente della Commissione Lavoro del Senato, secondo cui “l’occupazione femminile è una risorsa ancora poco utilizzata in Italia e che invece in questa fase di crisi economica e dei redditi è fondamentale”. “Dobbiamo fare come la Spagna – ha aggiunto – per immettere un milione di donne sul mercato del lavoro ed avere così una marcia in più”. Treu ha poi parlato della proposta di legge presentata dal PD Letta-Franco per un sostegno concreto all’occupazione femminile attraverso incentivi fiscali, estensione del congedo parentale, eguaglianza di genere, rimozione degli ostacoli alla carriera. E, “su questo fronte – ha detto - sfidiamo Sacconi”.

Un convegno sulle grandi questioni del lavoro e della società nel suo complesso, lo ha definito l’assessore regionale all’Istruzione, Formazione e Lavoro, Ugo Ascoli : “Ci confrontiamo su molteplici e fondamentali tematiche: disuguaglianza di genere, pari opportunità, carenza del sistema di welfare, calo demografico, lavoro di cura, servizi sociali, immigrazione ma anche impoverimento del ceto medio e diseguaglianza tra nord e sud del Paese, diritti civili, cambiamento della domanda e dei consumi. E se quantitativamente l’occupazione femminile nelle Marche non preoccupa, anche se rimane lontano dalle medie europee e dalle strategie di Lisbona, – ha aggiunto Ascoli, rivolgendosi ai tanti presenti tra istituzioni, amministratori pubblici e una delegazione albanese guidata dal ministro al Lavoro Koko Barka – “la criticità maggiore è la qualità del lavoro femminile, ancora a livelli insufficienti nella nostra regione”.




L’ultimo rapporto Istat mette in guardia sulla crescita della inattività femminile e lancia un allarme sul fenomeno dello scoraggiamento e quindi della rinuncia al lavoro per motivi familiari. Solo il 30 per cento riprende il lavoro dopo il primo figlio e invece “la principale strategia contro la povertà – ha aggiunto Ascoli – è proprio la famiglia bireddito”. In un mercato del lavoro in continuo e rapido cambiamento occorre evitare le semplificazioni (donna/uomo) e introdurre variabili più complesse quali le aggregazioni territoriali, le condizioni familiari, il ceto e il reddito, per avere un quadro più rispondente alle reali esigenze. Solo considerando nelle analisi queste variabili si può, e si deve, riorganizzare complessivamente la vita sociale e quotidiana, non solo in termini economici. E’ la tesi sostenuta da Laura Balbo, docente di Sociologia all’Università di Padova, che ha fatto riferimento a due recenti convegni tenutosi a Ginevra e Barcellona.


Da questi convegni è emerso – ha ricordato – che più alti livelli di studio non porteranno maggiore occupazione e maggiori guadagni per le donne. E sulla differenza retributiva tra generi si è soffermata anche l’analisi di Patrizia David dell’Università di Camerino sul mercato del lavoro nel contesto marchigiano: i dati complessivi desunti dall’INPS - ha detto la sociologa- registrano una differenza vicina al 40 per cento a sfavore delle donne. Su questo punto Tiziano Treu ha sottolineato come la p.d.l. prevede anche dure sanzion i per le imprese che discriminano. La David ha quindi evidenziato una forte segmentazione di genere: contratti non stabili, lavori meno retribuiti e ostacoli alla carriera, nel mercato marchigiano; per questo occorre far crescere la qualità del sistema produttivo e valorizzare il potenziale lavorativo regionale.




Dai dati emerge che il 60% delle donne sono assunte nei servizi, il 53% con contratti a termine , il 55% con collaborazioni e il 59% con contratti a chiamata. Il 69% della forza lavoro femminile ha un diploma di laurea ma il 73% lavora con contratto part time. “Un contratto ancora troppo utilizzato in Italia, soprattutto per le donne, – ha detto Emilio Reyneri, dell’Università di Milano – mentre nei Paesi europei del nord è già in declino, segno di una svolta importante: la donna ha assunto un peso tale che mutano gli equilibri nella società tanto da ridurre il part time.


Secondo il docente, piuttosto che alle donne imprenditrici occorre prestare attenzione alle figura emergente di donna libera professionista (3%), dato raddoppiato in dieci anni. Tanti gli ostacoli alla qualità dell’occupazione femminile, ha sottolineato Giampietro Perri che ha condotto l’indagine Delphi, tra cui la carenza dei servizi di sostegno alla famiglia e la maternità come evento penalizzante. “Non è vero che chi lavora non può fare figli – ha confermato l’assessora alle Pari Opportunità Loredana Pistelli – è semmai il contrario: le disoccupate non possono mantenerli. Occorre perciò rimuovere gli ostacoli, in primis attraverso la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, per facilitare anche l’ingresso di forze lavoro giovani”.

Le giovani donne marchigiane – secondo l’analisi di Emmanuele Pavolini dell’Università di Macerata – sono quelle che investono maggiormente in istruzione rispetto ai loro coetanei.


Ma trovano poi maggiori difficoltà di inserimento sul mercato del lavoro. In particolare la fascia di età più critica per le giovani marchigiane è quella tra i 15 e i 24 anni, in cui i tassi di disoccupazione femminili sono più che doppi rispetto a quelli maschili ( rispettivamente 17,2 % e 8,2%). “E non è con la detassazione degli straordinari – ha aggiunto l’assessora Pistelli – che si risolvono i problemi, semmai viene amplificata ulteriormente la discriminazione in favore degli uomini che, nei fatti, hanno più tempo disponibile”.

Proprio la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro è il progetto sperimentale della Regione, illustrata da Fabio Montanini, dirigente del Settore Lavoro, che ha rimarcato la caratteristica dell’approccio integrato di azioni: voucher, attività con le pubbliche amministrazioni e con le imprese private.




Il progetto è stato attuato con enti locali e pubblici, associazioni sindacali, imprese e servizi di front office per la gestione, tra le altre azioni, del voucher di conciliazione per l’assistenza. A tale beneficio possono accedere donne lavoratrici o disoccupate che devono assistere minori di 12 anni, anziani o disabili e con un reddito annuo non superiore a 16 mila euro.
Il progetto è stato attuato in Provincia di Pesaro-Urbino e Macerata. Per il 2008 il Programma annuale della Regione ha stanziato ulteriori 4 milioni di euro.




ugo ascoli

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-07-2008 alle 01:01 sul giornale del 03 luglio 2008 - 922 letture