Maestro elementare di giorno, corriere di droga la notte

droga 1' di lettura 24/05/2008 -
È stato sorpreso con oltre due quintali di hashish nascosti all\'interno di un furgone. In manette è finito Mario Marrese, 35 anni, senigalliese ma residente da qualche tempo a Bologna, che è stato scoperto mentre “smerciava” ben sette sacchi di droga.

Il maxi sequestro è scattato nella notte tra mercoledì e giovedì a Bazzano, un comune alle porte di Bologna. I carabinieri della locale stazione, durante alcuni normali controlli sul territorio, sono stati insospettiti dalla presenza di un furgone parcheggiato, ma con i fanali accesi, nei pressi di una ditta situata nell\'area industriale del paese.

Pensando che potesse trattarsi di un furto, i militari si sono avvicinati al Ducato sorprendendo un uomo intento ad armeggiare alcuni sacchi nel vano posteriore della vettura. I Carabinieri hanno quindi approfondito i controlli scoprendo che nel retro del Ducati erano contenuti ben sette sacchi di iuta e diverse scatole di cartone di una nota catena commerciale di bricolage.

Tagliata la iuta, i militari hanno così scoperto che i sacchi erano pieni zeppi di hashish per un totale di 216 chilogrammi di droga. Subito sono scattate le manette ai polsi di Marrese, incensurato e apparentemente insospettabile, che si trova ora rinchiuso nel carcere di Dozza a disposizione dell\'autorità giudiziaria.

L\'insegnante, che lavora in una scuola elementare di Bologna, è accusato di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. A conferma della doppia vita che da tempo conduceva il senigalliese, anche lo zaino che Marrese aveva con sé. La sua sacca infatti era piena di quaderni con i compiti dei suoi piccoli alunni che il maestro stava correggendo.





Questo è un articolo pubblicato il 24-05-2008 alle 01:01 sul giornale del 23 maggio 2008 - 973 letture

In questo articolo si parla di cronaca, giulia mancinelli, droga