San Benedetto: l\'anziano uxoricida è stato condannato

carabinieri 1' di lettura 01/05/2008 - Aveva ucciso la moglie nel 2002 con un colpo di fucile alla schiena ed ora è stato portato in carcere per scontare la pena di 21 anni di reclusione.

Quintilio Mannocchi, di San Benedetto del Tronto, aveva ucciso sua moglie Maria Virgili con il fucile da caccia colpendola con una serie di pallottole alla schiena e facendola morire sul colpo.


Dopo l\'omicidio il settantaduenne di Cossignano si è sempre dichiarato innocente e i suoi avvocati hanno per anni avvalorato la tesi che il colpo di fucile era partito accidentalmente, mentre il marito della vittima stava pulendo l\'arma.


I figli dei due hanno sempre testimoniato contrariamente a quanto sostenuto dall\'uomo che il padre aveva già minacciato di morte la loro madre. Condannato dalla Corte d\'Assise di Macerata nel 2006, la condanna è stata confermata in appello nel 2007 e il 10 aprile scorso è stato definitivamente condannato in Cassazione.


Venti giorni dopo i Carabinieri del luogo lo hanno arrestato.


di Alessandra Tronnolone
redazione@viveresenigallia.it




Questo è un articolo pubblicato il 01-05-2008 alle 01:01 sul giornale del 02 maggio 2008 - 912 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri, alessandra tronnolone, san benedetto, cossignano