counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

Inaugurazione dell'anno accademico dell'Università Politecnica delle Marche

2' di lettura
1042

Inaugurazione dell’anno accademico fissata dall’Università Politecnica delle Marche per il 27 febbraio alle 17, nell’aula Magna d’Ateneo Guido Bossi al Polo didattico di Monte Dago.

dall'Università Politecnica delle Marche
www.univpm.it

Al termine della relazione del rettore Marco Pacetti, il professor Tullio Rozzi, docente di Campi Elettromagnetici a Ingegneria, terrà la prolusione dal titolo “Nuovi orizzonti delle nanotecnologie in optoelettronica”.

Le nanotecnologie studiano e manipolano dispositivi e materiali dell’ordine di un milionesimo di millimetro, e si applicano virtualmente in ogni ambito scientifico attuale. In particolare la relazione del professor Rozzi analizza l’applicazione in quella branca dell’elettronica che studia dispositivi per convertire segnali elettrici in luminosi e viceversa (nanotransistori e sorgenti luminose fotovoltaiche). Si parlerà di nanotubi di carbonio e grafene e di uso del microscopio a forza atomica, oltre che dei modelli computazionali del trasporto elettronico e dell’emissione luminosa dei nanodispositivi.

Il professor Tullio Rozzi si è laureato in Fisica all’Università di Pisa nel 1965, e ha conseguito il dottorato di ricerca in Ingegneria Elettronica alla Leeds University nel 1968. Nel giugno del 1987 ha conseguito il diploma di Doctor of Science all’University of Bath. Dal 1968 al 1978 è stato ricercatore ai Philips Research Laboratories di Eindhoven (Paesi Bassi). Nel 1975 ha lavorato per un anno all’Antenna Laboratori della University of Illinois, Urbana. Nel 1978 ha ottenuto la cattedra di Ingegneria Elettrica alla University of Liverpool e nel 1981 la cattedra di Elettronica, nonché il titolo di capo del Gruppo di Elettronica alla University of Bath, dove ha anche diretto la School of Electrical Engineering. Dal 1988 Tullio Rozzi è docente di Campi Elettromagnetici e direttore del Dipartimento di Elettronica e Automatica all’Università Politecnica delle Marche.

Nel 1975 ha ricevuto il Premio Microwave dalla IEEE Microwave Theory and Technique Society (IEEE MTT-S).


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 26 febbraio 2008 - 1042 letture