counter

Anziani non autosufficienti: l'attenzione della Regione

3' di lettura 30/11/-0001 -
Gli assessori regionali alla Sanità e ai Servizi sociali, Almerino Mezzolani e Marco Amagliani, per chiarire alcuni punti e informare sulla situazione attuale, replicano congiuntamente alle opinioni apparse sui quotidiani di ieri in merito ai problemi sollevati sul tema degli anziani non autosufficienti.

dalla Regione Marche
www.regione.marche.it


Le problematiche evidenziate dalle associazioni riunite nel comitato Anoss sono sempre state all’attenzione della Giunta regionale che, per questo obiettivo, sta individuando, in attuazione delle indicazioni riportate sul Piano Sanitario e confermate sul Piano Sociale in fase di approvazione, un possibile percorso.

Un percorso che, per poter funzionare,richiede non solo disponibilità finanziarie aggiuntive, ma anche una nuova cornice normativa che dia indicazioni chiare alle Zone territoriali, agli Ambiti Sociali e ai Distretti Sanitari in ordine alle modalità più efficaci per attuare una seria integrazione socio-sanitaria. Come abbiamo avuto occasione di riferire recentemente alle organizzazioni sindacali, con le quali abbiamo avviato un confronto stabile sulla materia, la Regione intende presentare entro tempi brevi un piano di intervento sia finanziario che procedurale, per incrementare, già nel corso del 2008, i posti letto in residenza protetta a cui garantire un maggior livello assistenziale. Contemporaneamente però vogliamo lavorare ad un nuovo strumento normativo che disciplini questioni ancora aperte. Per esempio, il ruolo e le funzioni delle unità valutative integrate dei Distretti sanitari/ambiti sociali, al fine di garantire il massimo grado di appropriatezza nel ricovero; un quadro che definisca con chiarezza un sistema tariffario regionale, aggiorni quello deliberato nel 2005 e impedisca, in tal modo, incrementi di rette da un anno all’altro assolutamente ingiustificabili; una cornice infine che ridefinisca l’offerta assistenziale delle RSA, i relativi costi e il ruolo specifico svolto da questa importante struttura all’interno della filiera complessiva del sistema residenziale. Questo abbiamo chiesto alla cabina di regia.

Altro tema su cui c’è l’impegno della giunta riguarda il sistema delle cure domiciliari che dovranno essere potenziate con una maggiore disponibilità finanziaria sia per l’ADI (Assistenza Domiciliare Integrata - servizio gestito dalla Sistema sanitario regionale- che per il SAD (Servizio di Assistenza Domiciliare) gestito invece dagli enti locali. Anche su tale ambito abbiamo chiesto alla cabina di regia di costruire regole che diano maggiore certezza e chiarezza sui criteri di valutazione del livello di non autosufficienza, da utilizzare da parte delle unità valutative e di definire meglio i contenuti reali di questa tipologia di offerta assistenziale che attualmente è estremamente variegata e rivolta a tipologie di bisogno estremamente diversificate.

Un’ ultima questione riguarda il sistema delle cure domiciliari private su cui stiamo intervenendo con un primo progetto di sostegno alla formazione del personale, utilizzando fondi provenienti dal Governo, su cui la Regione assicurerà risorse proprie, nell’ambito di un accordo siglato alcuni mesi fa tra ministero della Famiglia e Regioni.

Tutto questo avrà un costo economico aggiuntivo. Ma la Regione Marche è intenzionata a sostenere tali oneri per arrivare coerentemente ai risultati di qualità indicati nel Piano sanitario e nel Piano Sociale. Questo il nostro impegno e questo ci sentiamo di rispondere alle associazioni che ci sollecitano in tal senso. Sarà in ogni caso nostra premura coinvolgerle nella illustrazione del percorso, una volta completato e nel successivo monitoraggio e verifica di quanto realizzato, per valutare insieme le ricadute positive di questi interventi nella vita dei cittadini marchigiani.

   

EV




Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 15 febbraio 2008 - 928 letture

In questo articolo si parla di regione marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/epQh