counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

Macerata: linee guida del piano Più Marchigiana delle Province

2' di lettura
962

La provincia di Macerata si presenta come la più marchigiana delle province delle Marche.

dalla Provincia di Macerata
www.provincia.mc.it

Vi è un filo rosso, spesso e continuo, che lega il territorio maceratese ai valori più profondi della marchigianità, e che fa sì che quella di Macerata sia forse oggi la provincia che riesce meglio ad esprimere quella sintesi del tutto unica, e più volte citata come elemento specifico della marchigianità, tra tradizione e modernità, tra qualità della vita e sviluppo, e che fa del territorio marchigiano un modello sempre più apprezzato ed imitato di sapiente saper vivere.

Lo aveva scritto il Censis nel rapporto sulla situazione sociale delle Marche 2006 e questo breve, ma significativo stralcio, di quella ampia relazione, è diventata una sorta di prefazione alla proposta di “Linee guida per l’elaborazione del Piano turistico provinciale 2008” che la Provincia di Macerata presenterà venerdì mattina (15 febbraio) al teatro Don Bosco.

I lavori si svolgeranno dalle 9,30 alle 13. Interverranno il presidente della Provincia, Giulio Silenzi, l’assessore provinciale al turismo, Marco Romagnoli, il vice presidente e assessore al Turismo della Regione Marche, Luciano Agostani.

La relazione sulle “linee guida” sarà tenuta da Pietro Leoni, consulente per la programmazione delle politiche turistiche, il quale ha già seguito per la Provincia di Macerata tutto l’iter partecipativo che ha portato lo scorso anno alla redazione del Piano di sviluppo turistico 2007-2009.

Al convegno interverrà anche Flavia Coccia, direttore operativo dell’Istituto nazionale ricerche turistiche (isnart), la quale ha lavorato alle ricerche condotte dall’Osservatorio turistico istituto due anni fa dalla Provincia e dalla Camera di commercio per “indagare” in vari aspetti del turismo sul territorio, non ultimo sul suo “impatto economico”.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 14 febbraio 2008 - 962 letture