counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

La Regione Marche aderisce alla campagna M'illumino di meno

2' di lettura
934

Gian Mario Spacca: incoraggiare la cultura del risparmio, espressione di consapevolezza e solidarietà.

dalla Regione Marche
www.regione.marche.it

Sulla scelta della Regione Marche di spegnere dalle 18:00 del 15 febbraio le luci non indispensabili del palazzi regionali, in occasione della giornata di mobilitazione internazionale sul risparmio energetico “M’illumino di meno”, il presidente della giunta regionale, Gian Mario Spacca ne ha ribadito l’adesione convinta.

Occorre incoraggiare la cultura del risparmio – ha evidenziato il Presidente – ed ogni occasione è utile per invitare ad una riflessione sui comportamenti individuali, che diventano ormai determinanti per risolvere problemi che riguardano tutti, in ogni parte del mondo.

Si potrebbe dire che il 15 febbraio sarà un buio “illuminato”, un’espressione di consapevolezza, per sentirsi responsabilmente artefici del futuro del Pianeta e quindi del nostro futuro.

Per noi – ha proseguito il Presidente - resta un dovere primario potenziare le azioni di risparmio energetico, espandere l'uso delle fonti rinnovabili, investire sulla sostenibilità ambientale, perché ciò comporta anche una nuova sensibilità per incentivare innovazione e ricerca.

Il risparmio energetico può diventare vera risorsa in un contesto ambientale sempre più spesso in emergenza. Ridurre l’impatto dei cambiamenti climatici è la vera sfida degli anni futuri, una scelta strategica per garantire gli attuali livelli di qualità di vita dei cittadini. Dobbiamo quindi costruire insieme un modello di economia e di società sempre meno energivoro.

Per questo c’è bisogno dell’apporto di tutti – conclude Spacca- per far sentire più forte “la voce dei cittadini”, un autentico esercizio del diritto di cittadinanza, rafforzato e sancito anche dal Trattato di Lisbona che pone l’accento sulla solidarietà nel settore energetico. Cominciamo allora dallo spegnere una lampadina.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 13 febbraio 2008 - 934 letture