Ancona: stabilizzazione per i precari del comune

1' di lettura 30/11/-0001 -
Nel corso dell’ultima giunta del 2007 l’esecutivo comunale ha affrontato, su proposta dell’assessore al Personale Andrea Filippini, il problema della stabilizzazione degli ultimi venti precari in servizio presso diversi uffici comunali.

dal Comune di Ancona
www.comune.ancona.it


In base a quanto disposto dalla Legge finanziaria del 2008 è stata garantita loro la prosecuzione del tempo determinato fino al raggiungimento dei requisiti per la stabilizzazione.

“Questa decisione – spiega il sindaco Fabio Sturani - permetterà di concludere entro il 2009 l’impegno dell’Amministrazione comunale per l’inserimento stabile nella pianta organica del Comune di circa cento unità, già operative nei diversi uffici e servizi, a tempo determinato o con Co.co.co.. Va ricordato che in questo modo il Comune di Ancona ha concretizzato una precisa scelta politica, per garantire a questi lavoratori un futuro professionale stabile e per valorizzare, al contempo, professionalità e conoscenze preziose che nel tempo si sono formate all’interno della nostra Amministrazione”.

“Con la stabilizzazione di questi cento dipendenti, fino a oggi precari – afferma l’assessore Filippini - abbiamo sfruttato al meglio tutte le opportunità concesse dalle due Leggi finanziarie, cancellando di fatto il precariato dal Comune di Ancona. Dal punto di vista quantitativo e per le modalità operative, che hanno previsto, tra l’altro, un serrato e produttivo confronto con le Rsu e con le rappresentanze sindacali, il nostro Comune ha avuto, su questo tema, un ruolo di riferimento a livello nazionale”.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 03 gennaio 2008 - 1040 letture

In questo articolo si parla di ancona