counter

Ancona: i vincitori del Corto Dorico

4' di lettura 30/11/-0001 -
Tema libero
Premio Miglior Cortometraggio: “Il Caso Ordero” di Marzio Mirabella
Menzione speciale della Giuria: “Breaking the silence” di Vito Bruno
Premio del Pubblico: “Il supplente” di Andrea Jublin
Tema sociale “I diritti negati”
Premio Miglior Cortometraggio d’impegno sociale: “H” di Marco Lucisano
Premio del Pubblico: “L’oro rosso” di Cesare Fragnelli

da CVS
Ancona


Il caso Ordero vince l’edizione 2007 di Corto Dorico sezione Tema libero.
Il caso Ordero, del trentaseienne regista genovese Marzio Mirabella, è il vincitore di Corto Dorico 2007, per la sezione tema libero. Un (finto) documentario ricco di testimonianze e filmati che narra la vita di due personalità deviate: dai primi atti criminali fino alla guarigione per mezzo di una cura sperimentale.
E’ questo il cortometraggio che la giuria, formata dal presidente Angelo Guglielmi, il regista Daniele Gaglianone e il critico Cristina Piccino, ha decretato vincitore assoluto, tra gli otto finalisti proiettati nella prima serata del concorso nazionale per cortometraggi, promosso dall’associazione Nie Wiem onlus di Ancona.

La Giuria ha deciso di assegnare anche una Menzione speciale al venticinquenne barese, residente a Leeds in Inghilterra, Vito Bruno per Breaking the silente. Le Cantine Moroder gli hanno offerto, come omaggio, una bottiglia di prestigioso Dorico magnum.

Il Premio del Pubblico, deciso dalla platea, è andato invece al trentasettenne torinese Andrea Jublin per la sua opera Il supplente, prodotto da Sky Cinema e candidato all’Oscar 2008.
Ricordiamo che prima delle proiezioni e delle premiazioni, ieri pomeriggio si è svolta una tavola rotonda sul Cinema autoprodotto, coordinata dal presidente della Mediateca delle Marche, Stefano Schiavoni a cui hanno preso parte i giurati, gli autori finalisti e un pubblico di specialisti e curiosi. Molti gli interventi del pubblico, fra cui quello di Fabio Sandroni, responsabile del circuito CGS-ACEC e “Sentieri di cinema”.

“H” di Marco Lucisano decretato da Nie Wiem miglior corto di impegno sociale
Dal momento del risveglio alla fine della giornata un diversabile vive ‘prigioniero’ della sua condizione, scandita solo dall’oppressivo ticchettio di un orologio, in eterna tensione verso ciò che si svela e al contempo resta precluso fuori dalla porta. È “H” (2007) del trentaduenne romano Marco Lucisano, il vincitore di Corto Dorico 2007 - sezione tema sociale, dedicata quest’anno ai diritti negati, designato nella seconda e ultima serata del concorso nazionale per cortometraggi, promosso dall’associazione Nie Wiem onlus di Ancona, al teatro Sperimentale.
A questo innovativo cortometraggio, realizzato con la tecnica di animazione dello stop-motion, a partire da circa 18.000 scatti di fotografia digitale, l’associazione Nie Wiem ha deciso di assegnare il premio di miglior corto di impegno sociale (1.500 euro) “per la capacità, nell’affrontare il tema della disabilità, di mantenere un’impronta di evocativa originalità, senza rifugiarsi nei più prosaici stilemi del manifesto di denuncia e per la costruzione di un’atmosfera suggestiva, fiabesca, alla maniera di un Tim Burton impegnato, anche attraverso l’utilizzo del sonoro nel ricreare l’effetto dello scorrere inquietante e implacabile del tempo”.

Il Premio del Pubblico, deciso dalla platea di circa 300 persone e consegnato dall’Assessore alla Cultura della Provincia di Ancona Carlo Pesaresi, è andato invece a larga maggioranza a L’oro Rosso (2007) del trentenne pugliese Cesare Fragnelli, un cortometraggio, nato dalla denuncia di un’inchiesta giornalistica, che offre un duro spaccato su sfruttamento e violenze, che si consumano ai danni di immigrati, impiegati come braccianti agricoli in Puglia. Già nella prima edizione di Corto Dorico (2004) Fragnelli era arrivato in finale con il corto “Lo spaventapasseri”.

Tra le proiezioni e gli eventi collaterali, sono state due giornate ricche di cinema, incontri, cultura e formazione. Anche ieri infatti, Corto Dorico ha visto un interessante “fuori programma” mattutino, con l’incontro, alle 11:00 al Liceo Scientifico "Galilei" di Ancona, tra il regista Daniele Gaglianone (componente della giuria di qualità) e gli studenti, nell'ambito di una collaborazione con il circuito Cgs-Acec, e un partecipato workshop pomeridiano gratuito su "Il senso del limite", tenuto sempre dal regista Gaglianone al teatro Sperimentale.

Successo e apprezzamento del pubblico sono andati anche alle proiezioni fuori concorso di “Viola” realizzato dalla Crakers Film per il progetto 2007 “Il tormento e la pace" (Marche Musica per il Mondo/M3 “Le parole della musica”/ “Palcoscenico Marche”) e di Eliott del collettivo Postodellefragole.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 24 dicembre 2007 - 1193 letture

In questo articolo si parla di arte, cinema, redazione, ancona, nie wiem





logoEV
logoEV