counter

Pesaro: terzo appuntamento con la Stagione dell'Ente Concerti

4' di lettura 30/11/-0001 -
L’America di Bernstein, Adams e Dvorak protagonista del terzo appuntamento della 48° Stagione dell’Ente Concerti di Pesaro, martedì 18 dicembre 2007 alle 21. Sul palco del Teatro Rossini di Pesaro, l’Orchestra Filarmonica Marchigiana diretta dal Maestro Donato Renzetti. Violino solista Cristiano Rossi.

da Ente Concerti di Pesaro


Martedì 18 dicembre 2007 alle 21, le porte del Teatro Rossini di Pesaro si riaprono alla 48° Stagione dell’Ente Concerti di Pesaro per il terzo appuntamento del cartellone. Sul podio sale il Maestro Donato Renzetti, bacchetta designata a dirigere l’Orchestra Filarmonica Marchigiana (l’altra compagine regionale ospite delle stagione accanto all’Orchestra Rossini), attraverso un programma dal sapore “americano”.

Il Novecento del grande Bernstein e quello avanguardistico di John Adams, fino a spaziare nel “nuovo mondo” intuito da Dvorak, caratterizzeranno la serata. Il concerto si apre con l’Ouverture da “Candide” di Bernstein, opera di teatro musicale popolare del 1956 tratta dal celebre omonimo testo di Voltaire, che ben esprime lo spirito sonoro giocoso e vitale del grande direttore e compositore. A seguire, la Filarmonica Marchigiana sarà affiancata dal violino solista di Cristiano Rossi nel “Concerto per violino e orchestra” di John Adams. Un lavoro del 1994 strutturato nei tre tempi tradizionali comprese toccata e ciaccona, che si fa rientrare nel “sinfonismo post-minimalista”. È a San Francisco che Adams conosce lo stile e la musica di Steve Reich e inizia ad associare i principi minimalisti alla ricerca timbrica, allargando poi progressivamente gli organici e gli stili fino a tornare a un certo romanticismo.

Nato in Massachussetts nel 1947, laureato a Harvard con diversi lavori gestuali e atonali, Adams è ancora oggi un musicista ‘ricercatore’, sempre in bilico tra le nuove tendenze e il ritorno a un antico amore romantico. Il Concerto è articolato nei tempi Q = 78, Chaconne: Body through which the dream flows e Toccare. La serata si chiude con uno dei lavori più noti e rappresentativi dello spirito americano, nonostante sia stato scritto da un compositore ceco: la grandiosa “Sinfonia n. 5 in mi minore, op. 95, detta “Dal Nuovo Mondo” di Antonin Dvorak. Scriveva l’autore: . Scritta nella forma tradizione, la Sinfonia si articola in 4 tempi: Adagio-Allegro molto, Largo, Scherzo (Molto vivace) e Allegro con fuoco. La Sinfonia “Dal Nuovo Mondo” è in realtà la Nona di Dvorak, ma oggi col nuovo ordine dato alle opere del compositore è stata rinumerata come Quinta. Fu presentata nel dicembre 1893 alla Carnegie Hall con enorme successo.

L’Orchestra Filarmonica Marchigiana è dal 1987 una delle dodici ICO, Istituzioni Concertistiche Orchestrali Italiane. La FORM, Fondazione Orchestra Regionale delle Marche, è il soggetto giuridico che dal giugno 2003 gestisce l'attività dell’Orchestra Filarmonica Marchigiana, costituita nel 2000 insieme alla Regione Marche e all’Università degli Studi di Ancona, Fondazione Orchestra Regionale delle Marche Fondazione. Il Maestro Donato Renzetti è direttore principale dell’Orchestra e direttore artistico della stagione che vede la compagine marchigiana impegnata in diversi teatri della regione con vari programmi. La Stagione dell’Ente Concerti di Pesaro è realizzata in collaborazione con il Comune di Pesaro e il sostegno di Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Regione Marche, Giunta Regionale, Assessorato alla Cultura, Fondazione Cassa di Risparmio, Banca Marche. Info biglietteria del Teatro Rossini 0721.387621, Ente Concerti 0721.32482 - www.enteconcerti.it.

Il solista: Cristiano Rossi
Erede di una famiglia di artisti bolognesi, Cristiano Rossi si è formato alla scuola di Sandro Materassi. Si è esibito per i maggiori festival europei (Stresa, Venezia, Varna, Spoleto, Dubrovnik) e per prestigiosi enti internazionali (Barbican Centre di Londra, Tonhalle di Zurigo, Sala Ciajkovskij di Mosca, Filarmonica di San Pietroburgo, Teatro Colon di Buenos Aires, Buka

Kaykan di Tokyo), collaborando con direttori d'orchestra tra cui Ahronovitch, Delman, Chailly, Oren, Pesko, Francis. Ha ricevuto il Diapason d'Oro della Rai. Registrato concerti e inciso per Rai, BBC, RSI, DRF, Erato, EMY, Dynamic e Naxos. Il suo repertorio comprende l'intera letteratura violinistica, con speciale riguardo alle avanguardie storiche e agli autori contemporanei (tra gli altri Dallapiccola, Henze, Schnittke, Carter e lo stesso Adams).





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 17 dicembre 2007 - 873 letture

In questo articolo si parla di musica, pesaro





logoEV
logoEV