counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

Ancona: La carovana di musicultura parte in tour

3' di lettura
895

Questo grazie all’accordo di programma quadro “Giovani. Ri-cercatori di senso” sottoscritto lo scorso mese di luglio tra l’assessore regionale alla Cultura, Luigi Minardi, e il ministro per le Politiche Giovanili, Giovanna Melandri.

dalla Regione Marche
www.regione.marche.it

Otto date-concerto distribuite in quattro week end, dal 16 novembre all’8 dicembre, con quattro giovani artisti scelti tra i vincitori e i finalisti dell’ultima edizione di Musicultura Festival: Pilar, Paola Angeli, Momo e Giacomo Barbieri. Ad ospitare le loro esibizioni i teatri di Montelupone, Cantiano, Pennabilli, Ostra, Amandola, Montecarotto, Caldarola e Ripatransone.

“Le Marche - ha dichiarato l’assessore Minardi, questa mattina alla presentazione della manifestazione al Plaza Cafè di Ancona - è la prima Regione in Italia ad aver raggiunto un accordo di tale portata con il Ministero POGAS. Oltre trenta i progetti, per più di nove milioni e mezzo di euro di finanziamento. Questi vanno aggiunti a quelli di ‘Palcoscenico Marche’ (ammontanti ad altri 6 milioni di euro da parte del Ministero dei Beni e Attività Culturali) che riguarda lo spettacolo dal vivo, il cui primo progetto è stato realizzato la settimana scorsa, al Teatro Lauro Rossi di Macerata con la produzione ‘Jacob Lenz’ di Wolfgang Rihm, coinvolgendo tutti i soggetti che hanno caratterizzato la storia teatrale delle Marche negli ultimi decenni”. L’APQ, in particolare, intende creare maggiori opportunità sociali, culturali ed economiche per i giovani, puntando a valorizzare le loro potenzialità in ogni campo in cui si manifestano e investendo fortemente sulle loro energie giovanili per un nuovo e dinamico sviluppo della società.

“Musicultura Tour - ha continuato Minardi - rientra in questo percorso. Un’iniziativa che guarda appunto ai giovani talenti, all’uso di nuovi linguaggi musicali e anche ai luoghi di fruizione della musica. La nostra regione detiene due primati per numero di musei e di teatri: 400 i primi e 130 i secondi dei quali 75 considerati di valore ‘storico’. Si tratta di beni che meritano di essere utilizzati, specie i teatri dei piccoli Comuni con una lunga tradizione alle spalle ma che per evidenti ragioni economiche da soli non riescono a sostenere iniziative di rilievo”. Per Minardi “la cultura è un bene di cui non si può fare a meno e l’iniziativa Musicultura Tour è solo la prima di una serie per aiutare i piccoli Comuni a evitare la ‘desertificazione culturale’ del loro territorio, stretti come sono da una mancanza di fondi”. Evidenziare il patrimonio storico architettonico dei piccoli teatri storici marchigiani e vivacizzare il clima culturale dell’entroterra è infatti un altro obiettivo che si propone di raggiungere questa iniziativa di durata triennale. Sono infatti già molti i Comuni marchigiani che hanno richiesto di aderire.

Ad accompagnare questi giovani talenti un illustre collega: Edoardo Bennato che non solo farà da testimonial ma accompagnerà le esibizioni, tutte ad ingresso gratuito. “In questo modo - ha detto il cantautore napoletano, intervenuto alla presentazione - spero con la mia partecipazione di aggiungere alla musica e alla cultura anche la spettacolarità”.

I conduttori saranno Gianmaurizio Foderaro, Carlotta Tedeschi e Alma Grandin di Radio Uno Rai. A fare da intrattenitore, Henry Zaffa, comico dalla lunga gavetta, poi approdato a Zelig. Presenti questa mattina anche il direttore artistico di Musicultura, Piero Cesanelli, che ha ringraziato l’assessore Minardi per aver reso possibile una manifestazione così importante, e i rappresentanti istituzionali dei Comuni coinvolti e delle Province di Ancona e Macerata che hanno dato il loro contributo.

La carovana itinerante di Musicultura ha coinvolto nel progetto anche alcune scuole superiori che si intratterranno con i protagonisti del tour: un ulteriore segno della volontà di raggiungere e dialogare con le generazioni più giovani.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 31 ottobre 2007 - 895 letture