counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

Macerata: la delegazione del popolo Azteco in Provincia

2' di lettura
1291

Una delegazione del popolo Azteco è stata ricevuta ieri mattina in Provincia dal presidente del Consiglio provinciale, Silvano Ramadori, dall’assessore Giulio Pantanetti e dal segretario generale, Piergiuseppe Mariotti.

dalla Provincia di Macerata
www.provincia.mc.it

La delegazione, accompagnata dal referente dell’Associazione Italia - Messico, Karl Wolfgruber, è impegnata in questo periodo in Italia nella quarta Campagna di solidarietà con il popolo Azteco.

Come nelle precedenti edizioni delle stesse iniziative di solidarietà, avviate nel settembre del 1993 dal maceratese Mario Pianesi, fondatore e presidente dell’associazione “Un punto macrobiotico” a seguito di un incontro casuale con un gruppo di Aztechi, la delegazione tenta di diffondere, attraverso gli incontri con le istituzioni ma anche, e soprattutto, con i giovani delle scuole, i tratti salienti della tradizione azteca, quali le danze tradizionali e l’artigianato. Ieri mattina, anche in Provincia, la delegazione si è esibita in un canto nell’idioma tradizionale azteco, il Nahuatl, una lingua che sta oramai scomparendo.

Ulteriore scopo delle campagne di solidarietà è quello di raccogliere fondi da destinare alla costituzione di spazi e strutture nelle quali poter preservare e divulgare la cultura nativa azteca. “Già nel 1994 - ha ricordato l’assessore provinciale Giulio Pantanetti, all’epoca sindaco del Comune di Urbisaglia - il nostro territorio ha avuto modo di conoscere, nell’ambito di un’altra campagna di solidarietà, la popolazione azteca. La stessa esperienza si è poi ripetuta con il ricevimento di una delegazione in Provincia già nel 1999. Siamo ben lieti di incontrare popoli e culture diverse dalle nostre e sostenerne i diritti”. Anche dal presidente del Consiglio provinciale, Silvano Ramadori, oltre al saluto di benvenuto sono state espresse parole di incoraggiamento per le campagne avviate e sentimenti di affetto nei confronti del popolo Azteco “che - ha assicurato Ramadori - troverà sempre pieno appoggio nella Provincia di Macerata”.

Con i fondi raccolti nelle precedenti campagne di solidarietà, l’Associazione Italia - Messico ha potuto acquistare tre ettari di bosco e terreno seminativo, nella quale poter iniziare la coltivazione dei cibi più sani della loro tradizione originale. La nuova campagna, invece, servirà per acquistare un’area edificabile di circa 1.000 metri quadrati sulla quale costruire una struttura per l’insegnamento delle tradizioni originali azteche e dell’idioma Nahuatl.



Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 26 ottobre 2007 - 1291 letture