counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

Ancona: asili nido, cooperative sociali centrate su utenti e soci lavoratori

2' di lettura
2822

Il Settore della cooperazione sociale di Confcooperative, Legacoop, Agci ribadisce la professionalità dei propri operatori, l’organizzazione delle attività è costantemente monitorata dal Comune dorico

dalle Cooperative sociali

Da oltre vent’anni la cooperazione sociale in Italia, nelle Marche e ad Ancona, si inserisce a pieno titolo nell’erogazione dei servizi socio - sanitari ed educativi, integrando il pubblico sistema dei servizi socio sanitari. L’assenza di finalità di lucro, l’interesse incentrato sull’utente e sul socio lavoratore, la partecipazione democratica, caratterizzano la specificità della cooperazione sociale ed hanno condotto, nel tempo, ad una naturale selezione, permettendo il consolidamento e il miglioramento organizzativo di quelle realtà vera espressione della Comunità.

Nelle Marche la cooperazione sociale, attraverso alcune eccellenze, ha rappresentato modelli di sviluppo riprodotti in altre regioni. Queste eccellenze di impresa sociale sono le stesse che da molti anni collaborano con il Comune di Ancona, attraverso gare d’appalto, nella gestione degli asili nido. Sono solide cooperative che rispettano il CCNL di settore, possiedono la certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità con riferimento alla norma UNI EN ISO 9001:2000, svolgono regolare attività formativa e di aggiornamento professionale per i propri soci lavoratori.

L’Amministrazione comunale, ogni anno, porta avanti indagini finalizzate a misurare la qualità percepita nei nidi, attraverso questionari alle famiglie degli utenti e le analisi elaborate, dal 2002 ad oggi, per quanto riguarda i nidi gestiti da cooperative, hanno fatto emergere una qualità che egregiamente sostiene il confronto cono i nidi gestiti direttamente dal Comune.

In oltre vent’anni di collaborazione tra il Comune di Ancona, la cooperazione sociale e le organizzazioni sindacali si è riusciti a superare un’arcaica e culturalmente limitata visione che poneva il socio lavoratore di cooperativa sociale come sottocategoria professionale. Oggi gli operatori presenti negli asili nido del Comune di Ancona, sia dipendenti comunali che di cooperativa, devono possedere specifici requisiti previsti dalla normativa regionale; l’organizzazione delle attività è costantemente monitorata da competenti professionalità dell’Amministrazione comunale; l’aggiornamento professionale è costante e convenzionalmente previsto; pertanto è con rammarico e stupore che viene accolto quanto di recente apparso nella stampa locale, circa la situazione sugli asili nido di Ancona.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 19 ottobre 2007 - 2822 letture