counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

La Regione Marche alla 7a edizione del Travel Trade Italia di Rimini

3' di lettura
723

È stata una partecipazione molto produttiva, quella della Regione Marche, alla 7a edizione del Travel Trade Italia, uno dei più importanti incontri di commercializzazione dell’offerta turistica italiana, a livello internazionale, che si è appena concluso a Rimini

dalla Regione Marche
www.regione.marche.it

Nello stand delle Marche oltre 50 operatori, raggruppati in sedici postazioni di lavoro, hanno presentato le tante sfaccettature del prodotto turistico regionale e hanno saputo rispondere, con un’offerta ampia e articolata, alle richieste di un mercato sempre più evoluto ed esigente.

“Quest’anno - sottolinea Luciano Agostini, vice presidente della Regione Marche e assessore al Turismo - gli operatori marchigiani hanno accresciuto ulteriormente la qualità dell’offerta. Con grande professionalità, anche grazie ai numerosi contatti avviati prima dell’evento, hanno saputo imporsi all’attenzione degli operatori provenienti da ogni parte del mondo, riuscendo ad elaborare le più variegate proposte di vacanza. Abbiamo rilevato un’attenzione crescente, nei mercati internazionali, per la destinazione Marche. Sono i territori più autentici, caldi e ospitali, che salvaguardano le tradizioni, quelli che cercano gli stranieri in vacanza da noi. In particolare, per i tour operator e gli agenti di viaggio incontrati durante il workshop sono molto frequenti le richieste di luoghi nuovi e insoliti, capaci di trasmettere emozioni. Si cercano, insomma, prodotti a forte caratterizzazione locale. Sempre di più la clientela mostra apprezzamento per le cittadine ancora escluse dai grandi circuiti turistici. Emerge il bisogno di nuove idee e proposte per tour tematici, incentrati sull’enogastronomia e la storia locale e anche per strutture ricettive situate all’interno di dimore storiche�.

Le Marche risultano perfettamente in linea con queste nuove tendenze: le richieste più frequenti, che si sono registrate allo stand regionale, riguardano, infatti, pacchetti personalizzati, sia individuali che per piccoli gruppi, che includono itinerari enogastronomici, laboratori e corsi di varia natura (di cucina, restauro…), shopping tour con visita degli outlet aziendali, attività sportive, percorsi in bicicletta, motocicletta e mountain-bike, partecipazione a eventi, tour culturali e visite tematiche.

“Le Marche – aggiunge Agostini – sono sempre più richieste come meta turistica, perché riescono a proporre un prodotto integrato, che coniuga mare ed entroterra, natura ed enogastronomia, storia, cultura e grandi eventi per un turismo a quattro stagioni�. Le Marche continuano a destare interesse anche nel mercato interno. Il turista italiano si rivela attento alle politiche di prenotazione anticipata nella scelta della destinazione di vacanza e guarda con favore alle agevolazioni per le famiglie.

Il prodotto “mare� mantiene un considerevole interesse. Si apprezzano, in particolare, le tariffe vantaggiose per famiglie e gruppi e, soprattutto, la possibilità di abbinare alla spiaggia la scoperta delle bellezze dell’entroterra, con un ampio ventaglio di proposte per il tempo libero.



Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 18 ottobre 2007 - 723 letture