counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

Il Pungitopo su Ecosistema Urbano 2008: alcune riflessioni sui dati di Ancona

2' di lettura
1015

Il capoluogo delle Marche di nuovo a metà classifica, quindi tra luci e ombre nella 'pagella' di Legambiente Ecosistema Urbano 2008.

da Legambiente

Nell'indagine annuale realizzata dall'associazione ambientalista in collaborazione con il Sole 24Ore e l'istituto di Ricerche Ambiente Italia, Ancona perde qualche gradino rispetto all'anno scorso scendendo dalla 50° alla 53° posizione. Una situazione, quella del capoluogo che si attesta quindi in maniera stabile a metà classifica col passare degli anni. Nello specifico il circolo 'Il Pungitopo' di Legambiente giudica buono il decimo posto ottenuto dalla Dorica tra le città medie per quanto riguarda i trasporti pubblici.

Legambiente plaude anche al maggior utilizzo del metano nei trasporti e quindi al minor impatto ambientale (31°posto). C'è invece ancora molta necessità in città di ridurre le emissioni pericolose, categoria che vede Ancona in fondo alla classifica tra i 4 Comuni marchigiani. Molto male anche la raccolta differenziata dove Ancona è infatti 58°, ancora una volta ultima tra i quattro capoluoghi. E' necessario quindi avviare quanto prima il sistema di raccolta porta a porta, l'unico che riesce ad ottenere risultati molto alti di percentuale di materiale recuperato e di conseguenza minore necessità di discariche e di conseguenza minore impatto ambientale. Nel XIV rapporto Ecosistema Urbano spicca inoltre l'ottimo 18° posto per il verde urbano fruibile. Una menzione a parte merita invece la categoria 'Isole pedonali' dove Ancona risulta essere 55°. Ma le informazioni raccolte nel 2006 non potevano prendere in considerazione la scelta coraggiosa dell'amministrazione comunale di pedonalizzare il centro quest'anno.

"Per ottenere quindi una risultato più veritiero- ha detto Vitaliano D'addato del circolo il Pungitopo di Legambiente- c'è solo da attendere il Dossier del prossimo anno quando sicuramente le indagini riconosceranno il giusto valore alla chiusura al traffico". Stessa analisi può essere abbinata anche al fotovoltaico ancora poco utilizzato nella nostra città nel 2006 ma sperimentato invece quest'anno da alcune scuole del capoluogo.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 18 ottobre 2007 - 1015 letture