counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

Partito democratico: una festa della democrazia

2' di lettura
938

“Una straordinaria partecipazione dei cittadini per un risultato straordinario, che corona una settimana dove altri milioni di lavoratori si sono espressi sul welfare”. Così il presidente Gian Mario Spacca, a nome del governo regionale, nella seduta della giunta odierna, commenta la partecipazione popolare alla nascita del Partito democratico

dalla Regione Marche
www.regione.marche.it

“Un risultato che ci deve far riflettere perché gli italiani hanno dimostrato di avere - al di là di ogni aspettativa - interesse per la politica, la vogliono diversa, vogliono guardare avanti, lasciarsi alle spalle inutili polemiche, vogliono andare verso una sua semplificazione in termini di schieramenti. Un’esperienza che aiuta tutti, certamente non solo i partiti che ne sono stati direttamente protagonisti.

Un risultato che rafforza la maggioranza di governo, anche quella regionale, che esce più forte e compatta da un risultato così incoraggiante. Con maggiore consapevolezza, ma anche con maggiore senso di responsabilità, esecutivo e maggioranza ora guardano alla seconda parte della legislatura, dove importanti obiettivi devono essere consolidati. Un altro dato che esce chiaramente è che i toni alti, le ingiurie, le offese, l’apparire, i livori, non appassionano gli italiani che, viceversa, sentono il bisogno di ritrovare un civile confronto, ancorato ai problemi concreti, in un comune sentire, al di là delle naturali differenze, dove i progetti e le azioni sono più importanti delle parole. Questo ci dicono i tanti cittadini che si sono resi disponibili, in una bella giornata di ottobre, a mettersi in fila e attendere pazientemente il loro turno per dar vita ad un’esperienza di forte innovazione istituzionale, nella vita del Paese.

A Sara Giannini, chiamata a dirigere il nuovo partito, a intraprendere “questa esaltante avventura”, gli auguri dell’esecutivo regionale.”


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 16 ottobre 2007 - 938 letture