counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

Le scuole marchigiane fanno incetta di premi al Quirinale

4' di lettura
887

Tre degli otto premi per il concorso nazionale dedicato all’ambiente indetto dall’Associazione Green Cross, vanno a Falconara, Recanati, San Benedetto. La cerimonia al Quirinale con il Presidente della Repubblica Napolitano, Rita Levi Montalcini, il Ministro Alfonso Pecoraro Scanio.

dalla Regione Marche
www.regione.marche.it

Una Generazione Verde. Così si possono chiamare gli alunni delle scuole dell’Infanzia “Montefiore” di Recanati, la “Via Togliatti” di San Benedetto del Tronto e la Scuola Media di Primo Grado “Giulio Cesare” di Falconara che si sono aggiudicate i premi più importanti del concorso nazionale ‘’Noi Giovani reporter del cambiamento climatico’’, indetto dall’Associazione Green Cross, giunto alla sua quindicesima edizione.

La premiazione è avvenuta a Roma, al Quirinale alla presenza del Presidente Giorgio Napolitano, della Senatrice Rita Levi Montalcini e del Ministro Alfonso Pecoraro Scanio. Al concorso hanno partecipato circa 30.000 studenti di molte regioni italiane e gli istituti marchigiani si sono aggiudicati: il 1° premio per la gara tra le scuole d’infanzia, la menzione di merito sempre tra le scuole d’infanzia ed il 1° premio con lode per la sezione dedicata alle scuole medie ‘’Una bella soddisfazione- ha commentato a distanza il presidente della Regione Marche, Gian Mario Spacca- perché dimostra la sensibilità dei nostri ragazzi ad un tema di interesse globale. Sapere di avere una nuova generazione così attenta alla questione ambientale è uno sprone per le istituzioni a gestire la cosa pubblica mettendo in atto politiche che abbiano come priorità il rispetto per la natura ed il territorio’’.

L’iniziativa ha lo scopo di promuovere la sensibilizzazione dei giovani alle tematiche ambientali, facendo acquisire competenze e conoscenze traducibili in capacità comportamentali più consapevoli e responsabili. Alla soddisfazione per il riconoscimento dell’impegno degli alunni anche un premio pecuniario alle scuole: 1.000 euro che dovrà essere impegnato a sostegno di iniziative ambientali. La scuola di Falconara ha vinto il premio con lode nella sezione dedicata alle scuole medie con un progetto televisivo, i ragazzi hanno infatti realizzato un tg con interviste sul tema dei cambiamenti climatici. I giovani di Recanati hanno invece realizzato un reportage fotografico e musicale in dvd con scatti delle loro attività di educazione ambientale all’interno del piccolo orto botanico, alla conbustiera e nell’allevamento di galline presenti della loro scuola a testimonianza della partecipazione e del valore che attribuiscono al programma di educazione ambientale che l’istituto offre loro.

Gli allievi della scuola di San Benedetto hanno infine elaborato un collage digitale composto da disegni e immagini che rappresentano il ‘’loro’’ cambiamento climatico, cioè gli effetti che il climate change ha prodotto nella loro vita reale, ad esempio l’immagine della mimosa della scuola fiorita con due mesi di anticipo o l’immagine di un loro compagno di classe che fa il bagno in mare, a marzo.

Anche la cerimonia è stata all’insegna del rispetto della natura. Ha infatti suonato la ‘’Junior Orchestra’’ dell’Accademia di Santa Cecilia che ha eseguito dei brani utilizzando strumenti con materiali riciclati. La conclusione della mattinata ha visto il Presidente della Repubblica al centro di un’intervista corale e curiosa degli alunni presenti sui temi ambientali. Infine l’intervento del Ministro Pecoraro Scanio che ha identificato le tre aree strategiche (edilizia, trasporti, energia) per la difesa dell’ambiente su cui il Governo sta lavorando. ‘’La Regione Marche- commenta il Presidente della Giunta, Gian Mario Spacca- sta da tempo lavorando su queste linee, nei trasporti ad esempio si è dotata di un parco bus a metano e nell’ottica di preferire il trasporto su rotaia rispetto a quello su gomma ha investito per l’acquisto di treni a minor impatto ambientale da impiegare sulle tre tratte principali della viabilità regionale’’. L’urgenza di intervenire per i pericoli del climate change arriva oggi d’altronde anche da Stoccolma, con l’assegnazione del Premio Nobel della pace ad Al Gore, all'ex vicepresidente Usa, autore del documentario ecologista ‘’Una scomoda verità’’.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 15 ottobre 2007 - 887 letture