counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

Ancona: convegno di chiusura della settimana della pace al Teatro delle Muse

2' di lettura
896

In chiusura della “Settimana della Pace” nella provincia di Ancona, giovedì 4 ottobre alle ore 9.30 nella sala del Ridotto del Teatro delle Muse, si terrà la riunione congiunta del Consiglio provinciale e del Consiglio regionale che vedrà la partecipazione dei rappresentanti dei popoli “adottati dagli enti locali

dalla Provincia di Ancona
www.provincia.ancona.it

Giovedì 4 ottobre, In vista dell’ONU dei Popoli di Perugia (che si concluderà il 7 ottobre con la marcia per la Pace Perugia-Assisi), il Convegno internazionale “L’Africa in piedi, dalle ardici al futuro”, che si è svolto al teatro Sperimentale dal 28 al 30 settembre scorso, dava il via alla “Settimana della pace” nella provincia di Ancona, che, grazie alla disponibilità di 16 Comuni del territorio, prevedeva anche una serie di incontri con 6 delle personalità africane presenti al convegno (il prof. Djbril Tamsir Niane storico e scrittore della Guinea, coautore della Storia generale dell’Africa edita dall’Unsesco; Edward Oygi del Kenya coordinatore della Rete di Sviluppo Sociale; Maria Kamara della Sierra Leone collaboratrice della Special Court a Freetown; Laurien Ntzimana teologo e professore del Ruanda esperto di processi di riconciliazione; Elias Mudzuri dello Zimbawe sindaco di Harare, Pierre Kabeza leader del sindacato insegnanti del Congo).

La “Settimana della Pace” nella provincia di Ancona è organizzata e voluta dall’associazione Chiama l’Africa, dal Cipsi (coordinamento di 41 Ong e associazioni di solidarietà) e dalla Provincia di Ancona.

“L’Africa ci chiede di essere ascoltata senza paternalismi. Ed è più che mai importante in questo momento accogliere la richiesta per sancire un impegno comune nell’affermazione della pace, della giustizia e del rispetto per i diritti umani", afferma la presidente Patrizia Casagrande, che ha presieduto e coordinato la prima giornata di lavori del convegno.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 04 ottobre 2007 - 896 letture