counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

Al via le pre-adesioni al programma di sviluppo rurale

3' di lettura
811

Su iniziativa dell’assessore regionale all’Agricoltura Paolo Petrini, la Giunta regionale ha approvato una delibera che consente la presentazione di domande di pre-adesione al Programma di Sviluppo Rurale per il periodo 2007-2013.

dalla Regione Marche
www.regione.marche.it

Per l’insediamento di giovani agricoltori, l’ammodernamento delle aziende agricole e l’accrescimento del valore aggiunto dei prodotti agricoli, dunque le domande di contributo potranno essere presentate ancor prima della decisione definitiva di approvazione del PSR 2007/2013 delle Marche da parte della Commissione Europea.

Dopo tale decisione comunque dovrà essere presentata istanza di finanziamento nel rispetto delle condizioni, delle modalità e dei termini che saranno successivamente definiti dalla Regione. In questo modo i requisiti dei bandi quali l’età anagrafica dei giovani imprenditori e la presenza di un valido piano aziendale, l’ammissibilità di alcune categorie di spesa ed altri, potranno essere rispettati a prescindere dalla durata dell’iter di approvazione del documento della Regione Marche al vaglio della Commissione Europea.

“I pre-bandi sono una risposta alla necessità espressa da parte di numerose imprese agricole di avviare investimenti produttivi in tempi ristretti.” dice Petrini “I pre-bandi, quindi, rispondono alle esigenze di quelle aziende che hanno urgenza di presentare domanda, prima della pubblicazione del formale avviso pubblico. L’urgenza è dimostrata dalla necessità di realizzare interventi “cantierabili” e non ulteriormente differibili, anche in considerazione della stagionalità delle produzioni agricole. Si tratta, cioè, di un provvedimento rivolto a quei beneficiari che, verosimilmente, avrebbero comunque realizzato l’investimento, indipendentemente dal contributo del PSR 2007/2013”.

“Giovani, innovazione e agroindustria – ha commentato Petrini - i tempi delle aziende rischiavano di non coincidere con i tempi della burocrazia, per questo abbiamo dato vita ad una innovativa e semplificata pre-apertura del nuovo programma di sviluppo rurale, programma attualmente al vaglio della commissione UE. Rimane inteso che solo ad approvazione definitiva potranno essere presentate le domande vere e proprie, ma sin da ora, relativamente alle misure per i giovani, l’ammodernamento delle imprese agricole e la crescita di valore aggiunto dei prodotti, è possibile presentare una pre-adesione affinché i tempi di approvazione della Commissione non precludano agli imprenditori agricoli la possibilità di avviare interventi potenzialmente ammissibili di aiuto”.

Una importante novità del nuovo programma di sviluppo rurale è il cosiddetto "pacchetto giovani" che prevede per quei beneficiari in posizione utile in graduatoria la concessione di tutti gli aiuti compresi nel progetto aziendale ammesso a finanziamento e relativi alle altre misure indicate nella domanda di aiuto (tutoraggio formativo in azienda, consulenza aziendale, investimenti per l'ammodernamento dell'azienda, diversificazione in attività non agricole e garanzia del credito con ingegneria finanziaria).

Le misure a cui si riferiscono le pre adesioni sono la “1.1.2”, la “1.2.1” e la “1.2.3 sottomisura a)” del PSR 2007/2013, approvato con la deliberazione amministrativa del Consiglio Regionale n. 50 del 17 aprile 2007 ed attualmente al vaglio della Commissione UE per l’approvazione definitiva.

Fabio Belfiori – Gabinetto del Presidente Stampa e Comunicazione istituzionale – Tel 0718062115 – Fax 0718062105


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 03 ottobre 2007 - 811 letture