counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

Frontone: tre Segni della scultura

2' di lettura
1013

Tre “Segni della scultura” al castello di Frontone. Sono quelli degli artisti Pino Mascia, Rocco Natale e Paolo Soro, protagonisti di un nuovo tassello dello Spac, il Sistema provinciale di arte contemporanea creato dalla Provincia (assessorato alle attività culturali) per coordinare l’attività di musei e spazi espositivi del territorio.

dalla Provincia di Pesaro e Urbino
www.provincia.pu.it

In questo caso la mostra fa parte della rassegna “Frontoneventi”, ideata e realizzata dall’associazione culturale “BelloSguardo” di Cagli in collaborazione con il Comune e la pro loco di Frontone. Nelle sale della fortezza si potranno ammirare da sabato 28 luglio (inaugurazione alle 17) sculture in gran parte realizzate per interagire con il prezioso “contenitore”.

“Di fronte alla problematicità del presente, contro le tante forme di dissipazione che riguardano il sistema sociale e quello dell’arte - scrive Bruno Ceci nel catalogo che accompagna la mostra -, con l’aggravante che in quest’ultimo ogni movenza impersonale intensifica una perdita di significato nell’opera, i segni esemplari creati dai nostri scultori rivendicano la ricerca di un senso, con un linguaggio che, pur salvaguardando la propria peculiarità si apre ad una problematica referenzialità, perché intende recare messaggi.

Un senso tutto proteso ad avvalorare l’idea che il processo formativo dell’immagine è anche processo informativo, che l’opera d’arte è evento fondamentale per investigare e conoscere il mondo, è progetto che può rovesciarlo e salvarlo”. La mostra è aperta fino al 26 agosto: dal 28 luglio al 3 agosto sabato dalle 16 alle 20 e domenica dalle 11 alle 13 e dalle 16 alle 20; mentre dal 4 al 26 agosto da lunedì a sabato dalle 16 alle 20 e domenica dalle 11 alle 13 e dalle 16 alle 20.

Per informazioni: Vines Gelso tel. 0721 787390, Richard Dixon tel. 0721 790215, info@frontoneventi.it, www.frontoneventi.it.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 27 luglio 2007 - 1013 letture