counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

Macerata: la provincia approva il piano per le Attività Estrattive

2' di lettura
1209

Il Consiglio Provinciale ha approvato la variante parziale del Programma Provinciale Attività Estrattive con la quale è stato introdotto l’istituto della delocalizzazione delle cave autorizzate.

dalla Provincia di Macerata
www.provincia.macerata.it

Si tratta di un’integrazione delle norme dello stesso Programma Provinciale Attività Estrattive per permettere lo spostamento delle cave già autorizzate in siti di minore impatto. Nel testo finale, approvato dall’assise provinciale, sono stati inseriti due emendamenti presentati dal consigliere Alessandro Vallesi.

Con il primo dei due emendamenti di fatto si viene a limitare la possibilità di delocalizzazione dei siti solo a quelle attività che hanno già estratto quantità limitate, vale a dire il 2% del totale assegnato.
La norma, così come variata, ponendosi come obiettivo primario il miglioramento della tutela paesaggistica ed ambientale, permetterà di ottemperare anche alle richieste presentate alla Provincia dal Comune di San Severino Marche e riferite alla cava di San Pacifico. Con il secondo emendamento, invece, in sede di approvazione del progetto di cava dovranno essere fornite alla Provincia garanzie di progettualità ulteriori, rispetto al passato, in merito alla viabilità d’accesso ai siti di cava.

La variante introdotta – ha spiegato durante il proprio intervento in Consiglio il presidente della Provincia, Giulio Silenzi – consentendo la delocalizzazione verso altri siti porterà anzitutto vantaggi di naturale ambientale. Basta vedere i prospetti fotografici di un sito di cava come quello di San Pacifico per rendersi conto di cosa stiamo parlando. E’ per questo che consideriamo questo provvedimento, che fra l’altro fornisce una risposta di interesse pubblico ai cittadini ed è stato discusso con amministrazioni di centrosinistra e di centrodestra, giusto rispetto all’ambiente”.

Prima dell’apertura della seduta del Consiglio ai consiglieri provinciali la società Task ha presentato il progetto Intranet, realizzato su proposta della presidenza del Consiglio provinciale, con cui verrà messo a disposizione di ciascun consigliere tutto il materiale delle sedute consiliari, delle commissioni, delle conferenze delle autonomie e l’archivio storico, compresi gli ordini del giorno.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 20 luglio 2007 - 1209 letture