counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

Politica finaziaria: un piano regionale per lo sviluppo economico

3' di lettura
921

Una politica finanziaria finalizzata alla coesione e allo sviluppo economico. Questa è la linea che intende seguire il governo regionale nel prossimo triennio e i passi da compiere sono orientati all’ottimizzazione delle risorse disponibili.

dalla Regione Marche
www.regione.marche.it

“E’ questa la strada percorribile”, come ha dichiarato il presidente della Regione Marche, Gian Mario Spacca, questa mattina, nel corso dell’incontro convocato per illustrare le prossime iniziative finanziarie regionali. Presenti anche il vice presidente della Giunta regionale, Luciano Agostini, e l’assessore regionale al Bilancio e Finanze, Pietro Marcolini.

Spacca ha spiegato che sono quattro le direttrici sui cui si compieranno le scelte più significative: “Innanzitutto, la gestione delle nostre tesorerie, da migliorare attraverso nuovi contratti con avviso pubblico, con riferimento in particolare all’Asur e all’Inrca”.

Altro aspetto: il debito. L’obiettivo è l’ottimizzazione dell’ammontare complessivo dello stock. “Stiamo migliorando – ha detto il presidente Spacca – la nostra posizione debitoria. I dati della Corte dei Conti parlano di una riduzione in percentuale, dall’anno 2000 al 2006, rispetto al totale delle altre Regioni italiane, dal 6% al 3,2%. Positivi in questa ottica sono stati gli incontri che abbiamo avuto prima a Londra e di recente a New York per la rinegoziazione dei nostri debiti con gli istituti bancari. Un’operazione che, contrariamente a quanto è stato affermato, dovevamo fare ora, essendo questo il periodo migliore, perché se è vero che i tassi a breve termine sono in aumento, quelli a medio-lungo termine, come nel nostro caso, sono calanti”.

Altro impegno del governo regionale è il reperimento di nuovi strumenti finanziari. “Entro la fine del mese – ha anticipato Spacca - la Banca europea degli investimenti concederà un fondo per complessivi 400 milioni di Euro, frutto di provviste fatte negli anni scorsi. Il contratto sarà sottoscritto a metà settembre a Lussemburgo”. Le risorse saranno destinate al turismo, per migliorare le strutture ricettive; per il cofinanziamento ai fondi strutturali europei; alle PMI per l’innovazione e la competitività.

Infine, il presidente della Regione Marche ha annunciato per la fine di settembre l’emissione di nuovi bond. “Non è escluso per questa operazione l’utilizzo di procedure innovative, quali, ad esempio, la collaborazione con altre Regioni attraverso l’emissione di un bond interregionale. “Stiamo valutando – ha detto a questo proposito l’assessore Marcolini – ipotesi con l’Abruzzo e con l’Umbria. In ogni caso le scelte poggeranno su una complementarietà di politiche e programmazione con le amministrazioni regionali interessate”.

Per il vice presidente Agostini, negli ultimi anni nelle Marche sono state portate avanti strategie finanziarie che sono riuscite a dare un significativo contributo alla costruzione di politiche attive. Sul versante del turismo, invece, è stata ribadita l’importanza della missione a New York. Agostini, in qualità di assessore regionale al Turismo, ha sottolineato l’esistenza di una strategia di promozione turistica orientata verso il Nord America, che potrà concretizzarsi con la costruzione di un progetto specifico con l’ENIT. Ma, intanto, un grande contributo per la promozione dell’immagine delle Marche è stato dato dai Bronzi Dorati di Pergola in mostra a Montréal, che, non è escluso, possano far tappa anche negli Stati Uniti, dopo un’intesa con il Comune di Pergola .

Infine, a margine dell’incontro, sono state illustrate le spese per l’evento Agorà dei Giovani, a settembre, a Loreto. Si tratta, nel dettaglio, di 2.387.616,00 Euro per materiali, mezzi e attrezzature per la Protezione Civile, la cui acquisizione è stata decisa da tempo e che al termine dell’evento andranno ad incrementare le dotazioni della struttura regionale; di 781.920,00 Euro per spese correnti relative al funzionamento degli strumenti e servizi; di 300.000,00 Euro per spese di carattere promozionale; di 230.000,00 Euro per spese di investimento previste nei Comuni interessati dall’evento.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 18 luglio 2007 - 921 letture