counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

TAU 2007, si entra nel vivo

4' di lettura
917

Questa terza settimana di luglio sarà intensissima per la rassegna TAU/Teatri Antichi Uniti , rassegna di teatro classico antico promossa da Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Regione Marche / Assessorato ai Beni e alle Attività Culturali, Amat, Soprintendenza per i Beni Archeologici delle Marche , Provincia di Ascoli Piceno, Provincia di Macerata, Comune di Falerone, Comune di Urbisaglia in collaborazione con Comune di Ascoli Piceno e Comune di Monte Rinaldo.

da Associazione Marchigiana Attività Teatrali

Il cartellone propone tre serate di spettacolo in luoghi di straordinario fascino: martedì 17 all’Anfiteatro Romano di Urbisaglia sarà in scena Anfitrione, mercoledì 18 al Teatro Romano di Urbisaglia sarà la volta di Elena. Variazioni sul mito e, per l’ultimo appuntamento della sezione TAU ragazzi, giovedì 19 il Teatro Romano di Falerone ospiterà Omero Odissea. Canto per oggetti e voce.

Anfitrione - interpretato da Lia Tanzi e Giuseppe Pambieri, che firma anche la regia – è la commedia ritenuta il capolavoro di Plauto. L’opera dipinge con ironia le mordenti lacune dei vizi umani narrando di come il dio Giove, per poter godere delle grazie della bella e fedele Alcmena, si è reso identico al marito Anfitrione, lontano da lei perché impegnato nella guerra contro i Teleboi insieme al suo servo Sosia, di cui il dio Mercurio ha assunto le sembianze, così da reggere il gioco del re degli dèi. Quando i due uomini ritornano a casa vittoriosi, l’incontro imprevisto tra i doppi scatena inevitabilmente una serie spassosa di equivoci, fraintendimenti, malintesi e incomprensioni, finché gli dèi non svelano il loro travestimento. Il lieto fine è dato dal parto prodigioso di Alcmena: due gemelli, uno è Ificle, figlio di Anfitrione, l’altro, tanto forte da uccidere appena nato due serpenti, è Ercole, frutto dell’amore rubato da Giove ad Alcmena. Promette all’inizio della storia il dio Mercurio: “Li confonderò entrambi, e con loro tutta la casa d’Anfitrione, al punto da farli uscir di senno.” Ci aspetta uno spettacolo assai divertente ed ironico.

Al centro di Elena. Variazioni sul mito di Ghiannis Ritsos – nella lettura del regista Francesco Tavassi – un monologo straordinariamente visionario interpretato da Mariangela D'Abbraccio. Sola nel palazzo che fu teatro del suo rapimento da parte di Paride affronta i propri ricordi e l'arrivo della fine tra i pochi resti impolverati di gioielli e vestiti, trofei di un passato fiero, sottratti al saccheggio di giovani e sprezzanti ancelle. Intorno a lei la proiezione immaginaria di coloro che le dedicarono la vita fino alle estreme conseguenze. Scrive nelle note allo spettacolo il regista Francesco Tavassi: “Con Mariangela la bellezza di Elena sarà espressa come la traccia di una antica maschera, ancorata alla fine della vita come ultima e beffarda espressione di una umanità trapassata, simbolo della resistenza alla devastazione del tempo e alla morte.

Omero Odissea. canto per oggetti e voce è uno spettacolo di straordinario impatto visivo curato da Antonio Panzuto. Pittore, scenografo, scultore, Panzuto nelle sue scenografie crea ambienti di incredibile fascino. In questa messa in scena, sculture plastiche in movimento e figure, macchine sceniche sofisticate, giocattoli tradizionali, come il Lego e il Meccano, oggetti d'uso quotidiano, ispirati all'iconografia greca, vengono utilizzati per accompagnare il racconto narrato da una voce quieta. Come è immediato essere catturati dalle parole di Omero, così questa versione dell'Odissea vuole trascinare con sé chi guarda, attraverso la continua trasformazione della scena. Si preannuncia un vero spettacolo, che saprà incantare gli spettatori, un’ottima occasione per far conoscere ai più piccoli il fascino del teatro.

Info e biglietti per Urbisaglia: tel. 0733 506566, tutti i giorni 10.00 - 13.00 / 15.00 - 19.00 Info e biglietti per Falerone: tel. 0734 750429, lun - ven 10.30 - 12.30 / 17.00 - 19.30. Inizio spettacoli ore 21.30.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 14 luglio 2007 - 917 letture