counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

Pesaro: Otto e Venti porta in scena Raphael Gualazzi

3' di lettura
1095

Di nuovo una grande affluenza di pubblico ha confermato, lunedì 9 luglio, il successo e il gradimento dell’iniziativa “8/20PM OttoeVenti� rassegna di spettacolo dei lunedì sera di luglio al Giardino di Santa Maria di Villa Vismara Currò a Pesaro.

dal Comune di Pesaro

Dalle 20,20 alle 24,00 questo splendido scenario accoglie gli eventi della manifestazione diretta da Claudia Ceccarini, patrocinata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Pesaro e dalla V Circoscrizione, frutto della collaborazione del Giardino di Santa Maria insieme a O.D.E. Officina d’Eventi, CUST2000 Centro Universitario di Sperimentazione Teatrale, Cineteca di Bologna, Fotos di Alessandro Brugnettini, Eredi Bosca Anco Marzio, La Taverna Ristorante gestione Malvis, Wabisabi ristorante giapponese.

Buona musica, buon cibo, un’atmosfera semplice ma coinvolgente con il vivaio ed il negozio a disposizione degli ospiti per consulenze o per una passeggiata tra i fiori, proiezioni cinematografiche, mostra d’arte, visita alla storica villa da poco restaurata ed un con-corso fotografico, questi gli ingredienti per un’iniziativa che registra sempre maggiore successo appuntamento dopo appuntamento.

Dopo il concerto di percussioni tradizionali giapponesi e il jazz rivisitato del gruppo D.O.I.- Denominazione d’Origine Incontrollata, ospite d’onore di lunedì 16 luglio è Raphael Gualazzi e il suo Trio, giovane musicista urbinate che in pochi anni ha fatto parlare tanto e bene di sé in Italia e all’estero (è reduce da una recente e fortunata tournée statunitense). Il pianista ed aspirante crooner ha già un pubblico affezionatissimo che gli tributa entusiasmo e ammirazione ad ogni performance.

Dalla sua ha il talento ed un repertorio estremamente accattivante in cui si rintracciano stili molto distanti fra loro che trovano un trait d'union nel modo assai singolare di riuscire a mescolare blues, jazz, fusion, soul e, soprattutto, ragtime. La sua solida conoscenza classica, unita ad un talento che lo conduce naturalmente ad espressioni musicali multiformi e coloratissime, contribuisce a dar vita ad un'opera dominata dalla ricerca costante della libertà creativa. Ma l'aspetto più interessante di questo giovane ed estroverso cantante/pianista sembra essere l'ironia, un gran senso dissacratorio di divertissement fatto di citazioni, incisi curiosi, quartine improvvise che non possono non divertire. Con Gualazzi, piano e voce, chiudono il Trio Alex Gobbi al contrabbasso e Emanuele Cecchetelli alla batteria.

Ma come al solito la serata non è affidata solo alla musica. Nello spazio all’aperto tra la villa e il vivaio sono sistemati il palco con le sedie per l’ascolto del concerto, comodi divani e ampi e numerosi tavoli per la cena. Gli estri culinari sono quelli de La Taverna ristorante gestione Malvys che propone vini doc e cocktails a 3 e 5 euro e specialità gastronomiche a buffet a 5 euro.

Continua la mostra di dipinti di Gedske Ramlov mentre durante l’arco della serata piccole degustazioni teatrali saranno offerte “all’improvviso� agli astanti da O.D.E. Officina d’Eventi e sulle mura della villa saranno proiettati film muti restaurati dalla Cineteca di Bologna. 8/20 è anche una grande occasione per tutti gli appassionati di fotografia. Il pubblico è invitato a partecipare al con-corso tenuto da Alessandro Brugnettini di “fotografia d’evento� che ogni settimana sceglie un soggetto (i concerti, la villa, i fiori ecc.) con il quale cimentarsi; le foto scattate verranno analizzate e si potranno avere consigli su come migliorare inquadrature, luci, ecc., le migliori verranno poi proiettate durante l’evento successivo. Insomma una serata da trascorrere in armonia con la natura e le arti in un giardino dei sensi dove vivono colori, sapori, odori, visioni e suoni a due passi dal centro cittadino.



Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 12 luglio 2007 - 1095 letture