counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

Centrale Api, Agostini replica ai consiglieri regionali

2' di lettura
1068

Il vicepresidente della Regione Marche, Luciano Agostini, replica alle dichiarazioni dei consiglieri regionali Altomeni, Binci, Brandoni, Procaccini e Benatti sulla questione della Centrale api di Falconara.

dalla Regione Marche
www.regione.marche.it

“Ai consiglieri di maggioranza: i compagni Altomeni, Binci, Brandoni, Procaccini e all’amica Benatti, rispondo che le affermazioni fatte dal sottoscritto non sono mai una provocazione, come quelle che loro, evidentemente, sono abituati a fare, ma corrispondono, in genere, alle disposizioni degli atti di Giunta che probabilmente non leggono o disconoscono oppure a considerazioni politiche che possono, ovviamente, essere non condivisi, ma sempre corrispondenti o a documenti votati o a giudizi di carattere politico. Li invito, pertanto a utilizzare un linguaggio più consono e corrispondente ai livelli istituzionali che ricoprono.

Nel merito della questione, i consiglieri regionali sembrano non conoscere i contenuti del Protocollo d’intesa sottoscritto dalla Regione Marche, in vista del Pear, dove si parlava chiaramente di una disponibilità della Regione stessa a prendere in considerazione una migliore produzione di energia, a fronte della diminuzione del carico ambientale e quindi di raffineria. Questo è quello che il sottoscritto ha dichiarato a il Sole 24 Ore Centro Nord, ribadendo l’attuale posizione del Governo e del Consiglio regionale: quindi di contrarietà alla Centrale Api nel contesto attuale.

Mi pare, del resto, importante sottolineare come la produzione energetica sia una delle frontiere a cui guardare con maggiore impegno, perché dovremmo renderci più consapevoli che le Marche sono la regione a più alto deficit energetico. Chi governa, in sostanza, deve poter dare una risposta ai cittadini e alle imprese, e chi tenta di fare questo non può essere tacciato di provocazione. Chi si nutre, invece, di solo pane ideologico, dimostra di appartenere a un’altra generazione politica.

Se poi le provocazioni citate corrispondono ad altre situazioni, sono pronto a qualsiasi chiarimento - pubblico o in maggioranza - per rendere conto delle dichiarazioni fatte”.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 22 giugno 2007 - 1068 letture