counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

Legambiente: benvenuta la battuta d'arresto per le mega centrali

1' di lettura
1071

Il Consiglio Regionale ha approvato una mozione, presentata da alcuni consiglieri del centro-sinistra, in cui si invita la Giunta a comunicare in via preventiva a Governo e Ministero competente, che le centrali proposte non sono conformi con le previsioni del PEAR, né con la volontà espressa dalle amministrazioni locali.

da Legambiente

“Dopo mesi di ambigui tira e molla – ha commentato Luigino Quarchioni Presidente di Legambiente Marche – non possiamo che essere soddisfatti di questa notizia.
Si tratta di un altro tassello che riafferma la validità del nostro Piano Energetico Ambientale. Ora la scommessa è quella di applicare e far decollare davvero il Pear, un'opportunità imprescindibile per perseguire un nuovo modello di progresso per questa regione”.
Una bocciatura, quella delle centrali proposte a Falconara e San Severino, che era attesa e sperata da vari Comuni e dalle province, dal mondo dell'associazionismo e da tanti cittadini residenti nelle zone interessate.
“Il NO a queste 2 centrali - ha continuato Quarchioni – va di pari passo con il SI a un modello alternativo di produrre energia, efficacemente descritto nel Piano e da cui occorre ripartire.
Mi riferisco a una maggiore attenzione al risparmio energetico, soprattutto nell'edilizia, e ad un'accelerata alla microgenerazione di distretto, ma anche all'uso delle biomasse, che, senza stravolgere il nostro paesaggio agricolo, possono rappresentare anche una reale potenzialità per il mondo degli agricoltori”.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 14 giugno 2007 - 1071 letture