counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

Al via il Progetto mediatec@italia

2' di lettura
1030

Giovedì 14 giugno, presso il Ministero dell'Innovazione e le Tecnologie, si svolgerà il secondo incontro del tavolo tecnico di studio e sviluppo esecutivo del “Progetto mediatec@italia” organizzato dal gabinetto del ministro Nicolais e che vedrà la partecipazione dei responsabili di settore del Ministero e dei curatori del progetto Stefano Schiavoni e David Murolo.

da Mediateca delle Marche

Il “Progetto mediatec@italia” redatto da Alberto La Volpe, Stefano Schiavoni e David Murolo, propone un nuovo ed aggiornato ruolo delle mediateche, finalizzando interventi ed operatività prioritariamente alle regioni: Calabria, Molise, Abruzzo, Campania, Puglia, Basilicata, Sicilia, Sardegna, oltre alle altre realtà regionali che hanno manifestato interesse, individuando la Mediateca delle Marche (prima tra le mediateche italiane, attiva dal 1984), come struttura di coordinamento.

A tutt'oggi queste mediateche sono diventate soprattutto in alcuni territori gli unici poli di promozione capillare e distribuita della cultura. La Mediateca delle Marche, che in questi anni è stata a fianco ed ha collaborato attivamente al progetto originale, si candida oggi col contributo del circuito di mediateche nzionali a svolgere il ruolo di coordinamento operativo.

Il progetto testimonia nelle sue parti ideative ed applicative la volontà di oltre 300 soggetti pubblici a partecipare ai processi di innovazione tecnologica ed includerli in una progettualità estesa che preveda, secondo le direttive comunitarie, l'analisi, lo studio di buone prassi, piani di fattibilità ed il censimento per rafforzare le strutture mediatecali ed informative del Paese in linea con quelli che sono i parametri UE.

Far in modo quindi che venga potenziata l'esperienza operativa che le mediateche in questi anni hanno espresso in modo efficace e capillare soprattutto in quei territori ad alto disagio e di gap digitale ed informativo nei settori: dell'informazione e formazione al cittadino, dell'orientamento al lavoro, del supporto alla didattica e all'istruzione pubblica, della promozione turistica e culturale.

Questa necessità nasce dalla stessa natura del progetto integrato che riporta ed attualizza l'esperienza delle buone prassi del “Progetto Mediateca2000” dando seguito a quanto inserito sulla voce mediateche nel programma di governo.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 14 giugno 2007 - 1030 letture