counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

Prestito d’Onore regionale: nelle Marche è nata una nuova azienda al giorno

3' di lettura
1658

La Regione Marche e Banca Marche, per incentivare la nascita di nuove imprese nel nostro territorio, hanno varato il ‘Prestito d’Onore regionale’.

da Banca Marche

Dopo 8 mesi di attività sono stati presentati i risultati: le pratiche presentate sono state 388 di cui 294 approvate corrispondente ad un volume di fondi deliberati di 5.973.593,00 euro, e 223 finanziamenti già erogati per un valore complessivi di 4.388.360,00 euro. Dei 294 progetti approvati, 256 riguardano ditte individuali, 15 di lavoro autonomo e 23 società.

“Si tratta di un risultato di grandissimo rilievo – ha detto Ugo Ascoli, Assessore alla Istruzione, Formazione e Lavoro della Regione Marche – che premia un’intuizione che abbiamo avuto interpretando lo spirito imprenditoriale tipico dei marchigiani ed incentivando la costituzione di nuove imprese agevolando soprattutto le categorie svantaggiate come le donne over 35, gli extracomunitari ed i laureati con meno di 29 anni. E’ per questo che abbiamo deciso di prorogare il progetto fino a fine anno e comunque fino al raggiungimento di 500 nuove imprese complessive”.

A fianco alla Regione Marche hanno operato Banca Marche come partner finanziario e Sida come responsabile del tutoraggio. La comunicazione di progetto è stata curata dal Gruppo Camera Work di Jesi. Claudio Dell’Aquila, vice direttore generale di Banca Marche ha posto l’accento sulle condizioni economiche particolarmente favorevoli del Prestito d’Onore: “Si tratta di una concessione di fondi senza alcuna garanzia – ha detto – una scommessa anche per la nostra banca che ha concesso credito puntando sull’ampliamento del tessuto imprenditoriale e sullo spirito d’iniziativa di chi cercava un aiuto iniziale per mettere in esser ela propria idea. La Sida srl ha avviato 271 percorsi di tutoraggio. Il numero verde ha gestito 435 contatti e sono stati organizzati 190 incontri con aspiranti imprenditori per la predisposizione della domanda di finanziamento. “Per noi è stato un grosso impegno assistere i neo imprenditori – ha puntualizzato Flavio Guidi, fondatore della Sida – con incontri mirati con i neo imprenditori, la selezione dei tutor, la formazione in aula, la compilazione dei formulari per presentare le domande, ma i risultati ci danno ragione ed accogliamo con favore la proroga decisa dalla Regione Marche che darà modo ad altri marchigiani di avviare la propria azienda”.

L’iniziativa è stata destinata ai disoccupati e inoccupati, ai laureati con meno di 29 anni, agli extracomunitari o alle donne over 35, residenti nelle Marche i quali, attraverso la concessione di credito agevolato non assistito da garanzie di alcun tipo (fino ad un massimo di 80.000,00 euro) e la previsione di servizi gratuiti di tutoraggio individuale per i primi 12 mesi di attività garantiti dalla Sida srl, hanno potuto concretizzare la loro idea d’impresa ed avviare un’attività imprenditoriale.

Tutte le informazioni sono reperibili sul sito di progetto www.prestitodonore.marche.it


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 09 giugno 2007 - 1658 letture