counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

Ancona: Cardeto, appuntamento con il laboratorio la Pietra del tempo

3' di lettura
1405

Più di 60 persone nella Sala Comunale Audiovisivi hanno preso parte all’incontro promosso dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Ancona per l’avvio del Laboratorio di Teatro Terra Terra “La pietra del tempo”, curato dal regista Giovanni Zurzolo e dall’Associazione Acchiappasogni e realizzato in collaborazione con Marchingegno srl.

dal Comune di Ancona
www.comune.ancona.it

Un lavoro di narrazione attoriale itinerante che, a partire da lunedì prossimo, verrà realizzato al Cardeto coinvolgendo la cittadinanza, le associazioni e compagnie teatrali del territorio. Il progetto ha destato molta curiosità per il taglio decisamente innovativo e fortemente “partecipato” che è stato dato al laboratorio. L’attività parte infatti da un lavoro di ascolto e di esperienza diretta del luogo per far emergere le diverse sensazioni, letture ed interpretazioni attorno ad un sito così denso di memorie e spunti di riflessioni.

Il tema portante sarà la “pietra”. Proprio la pietra, infatti, come ha raccontato il regista Giovanni Zurzolo, è contemporaneamente materia geologica, materiale di costruzione, reperto, monumento, supporto per scrivere una memoria , e altro ancora. Durante l’incontro l’Assessore alla Cultura, Pierluigi Fontana, ha sottolineato la stretta relazione tra questa iniziativa e il progetto in corso per lo sviluppo del Museo della Città, un museo che si espande sul territorio creando nuovi percorsi (di cui il Cardeto rappresenta solo la prima esperienza), e che vuole abbinare tecnologie informatiche e multimedialità all’esperienza viva e diretta del luogo. Per questo, in futuro, si darà sempre più spazio a nuove azioni di promozione della partecipazione ed al coinvolgimento attivo della cittadinanza.

Alessandra Panzini, rappresentante di Marchingegno srl, che collabora al progetto per la creazione del “museo diffuso urbano”, ha sottolineato lo sforzo compiuto in questi anni dall’Amministrazione Comunale per concepire e dare inizio ad un progetto nuovo e di grande respiro a partire dal nucleo portante del Museo della Città. Un progetto che è nato all’interno del Servizio Riqualificazione Urbana, grazie all’impegno dell’Arch. Anna Giovannini, e che in futuro proseguirà in più direzioni, nella prospettiva di realizzare un “ecomuseo” urbano. Un museo, quindi, in cui i cittadini non saranno più utenti, ma protagonisti della storia viva della propria città nonché promotori delle azioni di tutela e conoscenza del loro patrimonio di cultura e tradizioni.

All’incontro erano inoltre presenti Claudio Calderoni, che ha portato i saluti della Comunità Ebraica di Ancona in qualità di presidente, e la coordinatrice del Parco del Cardeto, Paola Bellini, che ha efficacemente ricordato la straordinarietà del sito – “un vero e proprio museo a cielo aperto” - ed il forte richiamo di pubblico che ha riscosso sin dalla sua apertura. In conclusione Gemma Scarponi, presidente dell’Associazione Acchiappasogni, ed il regista Giovanni Zurzolo, hanno saputo richiamare l’attenzione del pubblico attorno alla filosofia e alle motivazioni del laboratorio, trasmettendo l’entusiasmo necessario per affrontare un lavoro certamente di grande impegno, ma anche fortemente creativo e gratificante.

Il laboratorio si svolgerà in due tranche: la prima dall’11 al 21 giugno la seconda dal 10 al 20 settembre. Le rappresentazioni finali sono previste per i pomeriggi del 23 e 27 settembre. Molte le adesioni già raccolte. L’appuntamento per tutti, anche per chi è mancato mercoledì scorso, è per lunedì 11 giugno alle 15.30 all’ingresso principale di via Cardeto.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 09 giugno 2007 - 1405 letture