counter

Orciano: lettera aperta alla stampa dei comitati

3' di lettura 30/11/-0001 -
Comitati: "Abbiamo assitito in queste ultime settimane ad un preoccupante vuoto creato dalla stampa sulle repliche e sulle inziative da noi poste in atto".

da Francesca Palazzi Arduini
Coordinamento dei comitati


Abbiamo assitito in queste ultime settimane ad un preoccupante vuoto creato dalla stampa sulle inziative da noi poste in atto, vuoto che va di pari passo con le reazioni ormai scomposte degli Uffizi Regionali sempre più a vuoto di cartucce nel giustificare un progetto incredibile ed una procedura che ormai cammina di notte come uno zombie vivente:

-spazio a volontà per i comunicati del signor Gambini e del signor Salici, invero non rappresentativi che di piccole lobby locali, che hanno sferrato un attacco arrogante pro-inceneritore di Schieppe...ma lo spazio a noi concesso per le repliche o non c'è stato o è stato irrisorio se confrontato coi titoli roboanti (e invero privi di riscontro) come quello che annunciava l'arrivo su trattore di iracondi agricoltori urbinati, disposti a farsi 30 km per portare le loro stoppie in regalo a Paci.

-niente spazio e niente stampa invece alla partecipata assemblea di Orciano del 27 aprile, durante la quale sono stati presentati materiali che senza dubbio sarebbero stati degni di nota.

-nessun accenno di cronaca dell'incontro di domenica scorsa, che ha visto tanti rappresentanti del mondo della politica pronunciarsi e dibattere e che sarebbe stato senza dubbio interessante per la stampa, infine cioè per l'informazione ai cittadini (per fortuna moltissimi erano lì presenti!).

- agli interventi dei signori Salici e Gambini oltretutto, anche noi dei comitati abbiamo inviato una replica, perché quella inviata da altri agricoltori del territorio a nostro sostegno la scorsa settimana non è mai apparsa sulla stampa.

Problemi di tempo, di spazio, di opportunità? Non lo sappiamo quello che è certo è che anche il recente intervento del consigliere di FI Schiavoni, da quel di Senigallia, a favore dell'inceneritore di Schieppe, ci è sembrato fin troppo segnalato dalla stampa, anche se debole e privo di un qualche valore poiché tardivo sui contenuti e inutilmente retrorico.

La recente vittoria al TAR ed il precedente pronunciamento della Soprintendenza a difesa di questo territorio sono stati abbastanza espliciti. Ancora di più lo sono state le ricerche da noi eseguite sulla "realtà Waferzoo" e sulla truffa biomasse, tanto che ora anche molti che prima ci osteggiavano sono con noi.

Assieme a tutti portiamo avanti una battaglia per una politica trasparente ed equa, che non giochi con le carte e la burocrazia e che si rapporti fino in fondo ai cittadini giorno per giorno, problema per problema, senza rintanarsi nelle sue torri.

Alla stampa chiediamo: come mai questo silenzio? Si sta cercando di pompare la polemica per tenere alta l'attenzione, anche a rischio di decorare con interventi irrisori la ormai debole facciata della nostra..."controparte", puntellata da ogni parte ma invero assai poco credibile?

Da tempo abbiamo rifiutato ogni ulteriore confronto con chi ha gestito il rapporto non solo coi Comitati, a suon di balle (ricordiamo una delle tante pagine a pagamento della Waferzoo nella quale si negavano le emissioni di diossina dichiarate nelle stesso progetto e si propagandava un fantomatico teleriscaldamento...).

Dunque la stampa ha deciso di fare a meno di noi nel creare la "replica giornaliera ai comitati", con le solite comparse a cucù? Gioco nel quale la possibilità di replica da parte nostra è un optional dettato dai buchi in pagina?

Noi non vogliamo certo insegnare ai giornalisti il loro lavoro, ci piacerebbe però che al nostro lavoro gratuito e sudato venisse dati spazio per i contenuti e il sostegno alla democrazia, non per l'audience.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 16 maggio 2007 - 941 letture

In questo articolo si parla di orciano