counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

Provinciali: frattura all'interno dei verdi

2' di lettura
1393

Nelle riunioni del 15 e del 21 febbraio, l’Esecutivo provinciale dei Verdi aveva unanimemente deciso che i candidati alle prossime elezioni provinciali sarebbero stati indicati dalle rispettive associazioni locali e che l’Esecutivo ne avrebbe preso atto, salvo motivi di evidente incompatibilità o indegnità delle persone indicate.

dai Verdi della provincia di Ancona
Mozione 2 Verdi ed ecologisti per l’Europa

Giovedì 2 aprile tale decisione è stata completamente disattesa e, attraverso l’approvazione della mozione sopra indicata (con 4 voti a favore e 3 contrari), l’Esecutivo ha deciso di assegnare i collegi cosiddetti di “prima fascia” (cioè con un risultato elettorale superiore al 5%) solo ai candidati che avevano sottoscritto la Mozione 1 all’ultimo congresso provinciale (dove ha ottenuto il 55% dei voti) regionale, nazionale, contro le legittime indicazioni dalle rispettive associazioni locali.

Riteniamo che tale decisione sia politicamente stupida ed immotivata, gravemente lesiva della democrazia interna del partito, non rispettosa dell'autonomia delle Associazioni locali, scorretta nel metodo in quanto non rispetta le decisioni che lo stesso Esecutivo aveva già assunto, contraria ai principi ispiratori dello Statuto Nazionale del partito dei Verdi.

Nonostante tentativi di mediazione, iniziative a livello nazionale come la presentazione di una mozione al Consiglio Federale Nazionale del 21 aprile (recepita ma di fatto non attuata da Pecoraro Scanio) tale decisione non solo è stata attuata ma il presidente Marchetti ha superato se stesso eliminando ogni rappresentante della mozione 2 da ogni collegio: una vera e propria pulizia etnica di balcanica memoria.

Marchetti è il principale responsabile politico di questa vergognosa operazione e per questo chiediamo le sue dimissioni.

Presenteremo ricorso al Giurì nazionale contro questa azione denunciando questo stile politico.

Nelle prossime settimane valuteremo le scelte politiche più opportune su questo modo di gestire i Verdi.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 28 aprile 2007 - 1393 letture