Condannato a 5 anni di carcere il giovane che lanciò il sasso dal cavalcavia

1' di lettura 30/11/-0001 -
Ci sono nuovi sviluppi sulla vicenda del lancio di sassi dal cavalcavia a Montignano di Senigallia avvenuto nel dicembre 2005 ad opera di una banda di minorenni del posto.

di Leonardo Bartera
redazione@viveresenigallia.it


E' stato condannato a cinque anni di carcere per tentato omicidio plurimo aggravato l'autore materiale del gesto. Questo è il verdetto del gip di Ancona nei confronti del 19enne, ritenuto il "capetto" della banda. Il fatto risale alla notta tra sabato e domenica 10 e 11 dicembre 2005, quando all'altezza del cavalcavia 150, in piena notte, alcuni ragazzi minorenni lanciarono un sasso colpendo un pullman in transito con a bordo una trentina di persone.

In quella circostanza l'autista fu particolarmente fortunato perchè non fu colpito dal sasso ma allo stesso tempo pronto di riflessi riuscendo a mantenere il controllo del mezzo. I ragazzi all'epoca erano minorenni, tutti in età compresa tra i 15 e i 17 anni.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 08 marzo 2007 - 1068 letture

In questo articolo si parla di redazione, senigallia





logoEV